rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca

Operaio 22enne morto a Lesignano, Flai Cgil: "Inaccettabile piangere un'altra vittima"

Tina Balì e Andrea Gambillara: "La rincorsa al massimo profitto, con l'abbattimento dei costi per la sicurezza non si può tollerare"

"Inaccettabile che si debba assistere a un continuo stillicidio di morti e incidenti gravi sul lavoro". Lo dichiarano Tina Balì e Andrea Gambillara della Flai Cgil a proposito del grave incidente avvenuto ieri a Lesignano de' Bagni, in provincia di Parma in cui è rimasto vittima un ragazzo di 22 anni originario dello Sri Lanka, che lavorava in un salumificio ed è rimasto schiacciato da un macchinario che stava cercando di riavviare. Sulla tragedia è già stata aperta un'inchiesta dalla locale procura della Repubblica. "E' da tempo che chiediamo un'adeguata formazione dei lavoratori e meccanismi di prevenzione da parte delle aziende per far sì che non si debba piangere operai come questo ragazzo di poco più di vent'anni. La rincorsa al massimo profitto, con l'abbattimento dei costi per la sicurezza non si può tollerare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio 22enne morto a Lesignano, Flai Cgil: "Inaccettabile piangere un'altra vittima"

ParmaToday è in caricamento