menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Polizia Postale al lavoro

Polizia Postale al lavoro

Maxi operazione contro i pedofili, coinvolta anche Parma: 51 indagati

Numeroso il materiale sequestrato durante le perquisizioni in 32 città italiane. L'indagine è partita dagli accessi ad un sito web di materiale pedo-pornografico ubicato in Germania

Cinquantuno persone sono indagate per detenzione di materiale pedo-pornografico dalla Procura distrettuale della Repubblica di Catania, che ha disposto perquisizioni domiciliari in 32 città italiane nell'ambito di una indagine su accessi ad un sito web dal contenuto pedo-pornografico ubicato in Germania. Le indagini sono state compiute dal Compartimento di Polizia postale 'Sicilia Orientale'. L'indagine, coordinata dal procuratore aggiunto Marisa Scavo e dal sostituto procuratore Antonella Barrera, è stata condotta in collaborazione con le autorità tedesche e con il coordinamento del Centro Nazionale di Contrasto della Pedo-pornografia On-line (Cncop) di Roma.

Numeroso il materiale sequestrato durante le perquisizioni, effettuate a Ancona, Arezzo, Ascoli Piceno, Asti, Bari, Benevento, Bergamo, Brescia, Chieti, Cuneo, Ferrara, Firenze, Frosinone, Genova, Imperia, Mantova, Milano, Modena, Padova, Palermo, Parma, Reggio Emilia, Roma, Salerno, Savona, Siena, Terni, Torino, Trieste, Udine, Venezia e Viterbo. "L'odierna operazione contro la pedofilia on-line - sottolinea una nota della Polizia Postale - conferma ancora una volta la bontà della scelta legislativa che ha voluto una competenza delle Procure Distrettuali in questa materia in considerazione della transnazionalità e delocalizzazione del crimine informatico".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Giro passa da Parma: ecco le tappe e gli orari

Attualità

L'11 Maggio passa il Giro

Salute

Che cos'è e come combattere la ritenzione idrica

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 43 casi e un decesso

  • Cronaca

    Il piano di Patrick: voleva uccidere anche Maria Teresa

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento