Anti-bivacco, i residenti: "Va incluso l'Ospedale Vecchio"

A tre giorni dall'entrata in vigore dell'ordinanza anti-bivacco arrivano i primi commenti dei giovani, mentre in Oltretorrente c'è chi pensa che il provvedimento avrebbe dovuto includere i portici dell'Ospedale Vecchio per mettere un freno al caos creato dalla movida

Una buona idea, non si discute, ma dovrebbero essere fatte delle distinzioni. A tre giorni dall'entrata in vigore dell'ordinanza comunale anti-bivacco in prossimità di quattro strutture storiche della città i primi a commentare il provvedimento sono i giovani, uniti in piccole comitive che si incontrano proprio ai piedi del Battistero o del Teatro Regio: "Non facciamo nulla di male - spiega Sofia, 17enne parmigiana, mentre mangia un gelato seduta su un lato del Battistero - siamo qui con gli amici a fare due chiacchiere e se mangiamo un gelato o beviamo qualcosa buttiamo via tutto. Non si dovrebbe colpire indiscriminatamente chi siede vicino ai monumenti storici, ma fare delle distinzioni tra chi si comporta male e chi invece è educato e rispettoso".

Proprio su questo punto l'assessore alla Sicurezza, Cristiano Casa, ha specificato che è "vietato l’uso improprio prolungato ed il cibarsi, non il sedersi per riposarsi dal caldo o per consultare una guida turistica, non il sostare". Nonostante questo c'è anche chi, come Debora, si è fermato spesso ad attendere l'autobus sui gradini del Regio e nell'attesa ha consumato un panino: "Conosco Parma da 5 anni perché ho frequentato il Toschi e ogni giorno prendevo l'autobus da qui, ma non ho mai sporcato o bivaccato senza motivo. Poi penso che in questo modo il problema verrà semplicemente spostato da un'altra parte, magari sotto altri monumenti".

Dunque se non è il Centro storico sarà un altro luogo della città e c'è già chi pensa immediatamente all'Oltretorrente dove invece nessuna ordinanza anti-bivacco vieta l’uso improprio prolungato ed il cibarsi in prossimità dei portici dell'Ospedale Vecchio. Tra i residenti più impegnati nella lotta alla movida già si mormora di far richiesta di introdurre anche l'Ospedale Vecchio nel breve elenco dei luoghi vicino ai quali non si può bivaccare. Di certo c'è che prima che l'ordinanza entrasse in vigore molti si aspettavano che venisse preso in considerazione anche l'edificio storico dell'Oltretorrente, se non altro perché sarebbe stato un intervento radicale e significativo per ridimensionare il fenomeno movida.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto fino al 20 agosto l'ordinanza prevede un periodo di tolleranza durante il quale gli agenti della Municipale si limiterranno ad avvisare del provvedimento senza dare multe. "Mi sembra il minimo - commenta Sofia - anche se nel pieno dell'estate, con questo caldo e con la città quasi vuota non c'è nessuno da avvisare. Probabilmente questi giorni passeranno senza che la maggior parte delle persone che frequenta questi posti sappia niente dell'ordinanza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento