menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ordinanza, flash mob: con acqua e yogurt sui gradini del Battistero

Con bottigliette d'acqua e yogurt i partecipanti al flash-mob, indetto su Facebook qualche giorno fa, si sono seduti per due minuti sui del Battistero gradini per testimoniare il loro dissenso

Un centinaio di persone, semplici cittadini ed esponenti di associazioni, si sono ritrovate in piazza Duomo per protestare contro l'ordinanza anti-bivacchi promossa dal sindaco Federico Pizzarotti. Con bottigliette d'acqua e yogurt i partecipanti al flash-mob, indetto su Facebook qualche giorno fa, si sono seduti per due minuti sui gradini del Battistero per testimoniare il loro dissenso nei confronti del provvedimento. Dopo le multe dei Vigili Urbani a due giovanissimi ragazzi che consumavano acqua e yogurt - proprio sui gradini del Battistero - la polemica in città è salita fino all'appuntamento di oggi.

La maggior parte delle persone che questa sera ha deciso di manifestare contro il provvedimento del sindaco crede in sostanza che non sia questo il modo giusto di intervenire per tutelare il patrimonio cittadino, piuttosto crede che così si corra il rischio di vedere solo un monumento e nessun parmigiano intorno.

Ma tra coloro che hanno partecipato al flash mob c'è anche chi pensa che questa ordinanza non sia altro che un modo per distogliere l'attenzione dei cittadini da un problema più grande, l'inceneritore: "Quale modo mogliore se non quello di multare innoqui minorennni? - commenta Luigi Cristofolini - Le leggi per punire chi sporca ci sono già e basta applicarle per far sì che i monumenti di Parma restino appetibili per i turisti, questo provvedimento non ha alcuna utilità".

"Si tratta solo di proibizionismo e non è mai stato una soluzione ai problemi - ha commentato Francesco Castiglione, studente di Economia -. Poi penso che Parma sia una città bomboniera, non ho mai visto cartacce o sporcizia quì, quindi non trovo giustificazioni a questa ordinanza". Ed è critico il giudizio anche sull'idea di sanzioni più severe per chi imbratta i muri, lanciata nei giorni scorsi da Pizzarotti su Facebook: "A cosa serve? Basta semplicemente applicare le leggi che esistono, continuando così non si fa altro che vietare e non è proprio un buon metodo per far migliorare le cose".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Vaccino dai 60 ai 64 anni: a Parma 7.400 prenotazioni

Ultime di Oggi
  • Sport

    Troppa Atalanta, il Parma si arrende: manita di Gasp, altro schiaffo

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 86 casi e un decesso

  • Cronaca

    Parma, sì ad altre riaperture. E da metà maggio coprifuoco posticipato

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento