Movida, Pizzarotti proroga l'ordinanza: locali chiusi all'1 nel week-end fino al 30 aprile

Il sindaco, Federico Pizzarotti, ha sottoscritto l'ordinanza con cui ha prorogato la disciplina degli orari di chiusura degli esercizi pubblici operanti nell'area della Movida

Il sindaco, Federico Pizzarotti, ha sottoscritto l’ordinanza con cui ha prorogato la disciplina degli orari di chiusura degli esercizi pubblici operanti nell’area della Movida, con scadenza al 10 marzo 2014, fino all’approvazione della versione definitiva del Regolamento per la convivenza e, comunque, non oltre il 30 aprile 2014.

Gli esercizi operanti in tali aree, che generano impatto acustico esterno, in quanto utilizzino impianti di diffusione sonora o svolgano trattenimenti musicali, salvo che non abbiano adottato adeguati piani di contenimento delle immissioni sonore atti a garantire il rispetto dei limiti acustici di zona e che non inducano stazionamenti della propria clientela all’esterno, devono osservare i seguenti orari di chiusura: ore 24.00 dalla domenica al giovedì; ore 01.00 il venerdì, il sabato e i prefestivi.

Agli esercenti interessati che hanno già sottoscritto impegni e sono in possesso di autorizzazione alla deroga oraria in scadenza al 10 marzo 2014 è consentita la proroga degli accordi sottoscritti e delle autorizzazioni. Gli esercenti interessati dalla limitazione, che non sono in possesso dell’autorizzazione alla deroga oraria potranno chiederla, previa sottoscrizione di accordi con l’Amministrazione finalizzati a minimizzare l’impatto sui residenti, sull’ambiente e sui beni culturali. Gli esercizi pubblici che hanno esclusiva ospitalità interna, che siano insonorizzati e che non generino impatto verso l’esterno (in quanto  non utilizzino impianti di diffusione sonora e non svolgano trattenimenti musicali) e, che non inducano stazionamenti della propria clientela all’esterno del locale, non sono assoggettati a limitazioni orarie ed è sufficiente che comunichino all’Amministrazione tale condizione a mezzo dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La violazioni alle disposizioni dell’Ordinanza sono punite con la sanzione pecuniarie. La disciplina degli orari si applica a bar/ristoranti, circoli privati, esercizi commerciali ed artigianali alimentari, operanti nelle seguenti strade: Str. D’Azeglio, B.go Marodolo, Str. Inzani, P.le Inzani, Str. Imbriani, P.le Bertozzi, B.go P. Cocconi, B.go P.A. Bernabei e P.le S. Croce fino alla confluenza con Via Kennedy, P.le della Pace, P.za Ghiaia, P.za Garibaldi, Str. Garibaldi, B.go Mazza, Via Mameli, Via Carducci. Ed anche nelle seguenti vie: Str. Farini, B.go della Salina, B.go del Carbone, P.le del Carbone, Via  Sauro, B.go Tommasini, Via Maestri, P.le della Rosa, P.le Sant’Apollonia, Via Torrigiani, V.lo Cinque Piaghe, V.lo Politi, Str. Collegio dei Nobili, P.le San Lorenzo, V.lo Giandemaria, P.le Venticinque Aprile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento