menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Locali chiusi a mezzanotte: Pizzarotti ha firmato l'ordinanza

La nuova ordinanza è in vigore dal 10 luglio e fino al 10 marzo 2014. Sanzioni fino a 500 euro per i tragressori. Nel fine settimana locali chiusi all'una

Il provvedimento firmato dal Sindaco applica il  “Regolamento per la convivenza tra le funzioni residenziali e le attività di esercizio pubblico e svago nei centri urbani”, approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 16 del 19 febbraio. Da mercoledì 10 luglio 2013, in esito ad incontri e consultazioni che avevano registato la sostanziale condivisione con residenti, esercenti ed associazioni, in particolare nella seduta del Comitato di monitoraggio del 22 maggio 2013, entreranno in vigore i nuovi orari di chiusura per  bar, ristoranti, circoli privati abilitati alla somministrazione, esercizi commerciali e attività artigianali alimentari (ossia pizzerie da asporto, gelaterie, kebab ed attività analoghe), stabiliti dall’Ordinanza n. 107270 firmata dal Sindaco in data 21 giugno 2013.

Dove e quando scattano i nuovi orari. I nuovi orari avranno efficacia sperimentale fino al 10 marzo 2014. Le strade interessate dal provvedimento sono Strada D’Azeglio, B.go Marodolo, Strada Inzani, P.le Inzani, Strada Imbriani, P.le Bertozzi, B.go P. Cocconi, B.go P.A. Bernabei e P.le S. Croce fino alla confluenza con Via Kennedy, P.le della Pace, Piazza Ghiaia, P.za Garibaldi, Strada Garibaldi, B.go Angelo Mazza, Via Mameli, Via Carducci, Strada Farini, B.go della Salina, B.go del Carbone, P.le del Carbone, Via Nazario Sauro, B.go Giacomo Tommasini, Via Maestri, P.le della Rosa, P.le Sant’Apollonia, Via Torrigiani, V.lo Cinque Piaghe, V.lo Politi,  Str. Collegio dei Nobili, P.le San Lorenzo, V.lo Giandemaria, P.le Venticinque Aprile.

Rispetto a quanto previsto dal regolamento, resta per ora escluso dalla nuova disciplina degli orari il comparto di Via Emilia Est, fino all’esecuzione di approfonditi accertamenti in merito all’impatto acustico, ambientale e viabilistico degli esercizi operanti in quella zona. I nuovi orari di chiusura sono previsti alle ore 24 dalla domenica al giovedì, alle ore 01 il venerdì, il sabato e i prefestivi. La nuova disciplina degli orari si applica ai locali che producono impatto esterno per l’impiego di impianti di diffusione sonora o lo svolgimento di trattenimenti musicali, che non siano insonorizzati e che inducano stazionamenti della propria clientela all’esterno. La stessa regola vale  per le attività commerciali ed artigianali di produzione e vendita di generi alimentari che, in quanto prive di sale per il consumo sul posto, nonché dei servizi igienici, inducono lo stazionamento della propria clientela sulla pubblica via, determinando un notevole impatto sul clima acustico e sulle condizioni ambientali e viabilistiche complessive delle aree interessate.

Le nuove disposizioni sugli orari non si applicano, invece, alle attività caratterizzate da esclusiva ospitalità interna ai locali o in dehors chiusi insonorizzati o che non utilizzano diffusione sonora e che non inducano stazionamenti della propria clientela all’esterno, le quali potranno autocertificare tale condizione utilizzando l’apposita modulistica.

Come ottenere le deroghe. Da lunedì 24 giugno fino al 09 luglio 2013 i titolari degli esercizi interessati dalle nuove regole potranno inoltrare al Comune istanza di autorizzazione alla protrazione di un ora rispetto agli orari di chiusura stabiliti, previa sottoscrizione di accordi, comportanti l'assunzione di impegni diretti a minimizzare gli impatti e contemperare i vari interessi e la previsione, in caso di reiterate violazioni, della riduzione degli orari. Gli accordi dovranno prevedere l’assunzione di almeno tre degli impegni, valutati discrezionalmente dall’Amministrazione Comunale, in relazione alle specificità delle aree, dettagliatamente descritti nell’ordinanza, finalizzati a garantire la quiete dei cittadini, il decoro e anche a qualificare con iniziative le serate proposte.

Premi per i virtuosi. Gli esercenti virtuosi che sottoscriveranno gli accordi e manterranno gli impegni assunti, potranno usufruire, oltre che della deroga oraria, dell’esenzione dal pagamento del canone Cosap, in occasione delle manifestazioni organizzate dall’Amministrazione, del riconoscimento con informazioni sul sito del Comune, della promozione di iniziative di valorizzazione dei luoghi e della individuazione e messa a disposizione di spazi pubblici nei parchi cittadini, con esenzione dal pagamento del canone Cosap, per il periodo estivo, in cui esercitare l’attività.

Le violazioni alle disposizioni dell’Ordinanza sindacale saranno punite con la sanzione amministrativa pecuniaria da Euro 25,00 ad Euro 500,00 con pagamento in misura ridotta pari ad Euro 300,00 e, in caso di concessione dell’autorizzazione alla deroga oraria, la seconda violazione nello stesso anno comporta la decadenza della stessa. Le istanze di deroga e le comunicazioni potranno essere presentate in via telematica allo Sportello Unico del Comune al seguente indirizzo: suap@pec.comune.parma.it.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Salute

Come calcolare l'Indice di Massa Corporea

Attualità

Covid: a Parma quasi 44 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 170 casi e un morto

  • Cronaca

    Covid: "Negli ultimi giorni abbiamo ricoverato molti giovani"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento