Rubati i fiori per l'ingegnere ucciso dal ciclista in piazzale Picelli

Alcuni residenti hanno reso omaggio a Oscar Ragazzoni, il 46enne travolto da un ventenne che sfrecciava in bicicletta in contromano in via Cocconcelli. Cartelli contro i consumatori: "E se fosse stato il tuo sballo ad uccidere?"

Dopo la tragica morte dell'ingegner Oscar Ragazzoni, travolto da un giovane nigeriano 20enne in bicicletta che ha imboccato contromano via Cocconcelli, nei pressi di piazzale Picelli, i cittadini del quartiere hanno posizionato alcuni cartelli contro lo spaccio di sostanze supefacenti ed alcuni mazzi di fiori, in suo ricordo. Poche ore dopo, nella mattinata di ieri, martedì 15 ottobre, quei fiori erano già spariti. Qualche sconosciuto ha pensato bene di prenderli e di portarseli via: un gesto oltraggioso proprio sul luogo della tragedia, che tante polemiche sta suscitando in Oltretorrrente.

Mentre il giovane nigeriano è stato accusato di omicidio stradale i residenti tornano a protestare per le scarse condizioni di sicurezza del quartiere, dovuto soprattutto alla presenza di spacciatori stranieri lungo viale Vittoria e via dei Mille, ma anche nelle strade più interne dell'Oltretorrente. I cartelli posizionati 'E se fosse stato il tuo sballo ad uccidere?' 'si rivolgono principalmente ai consumatori di droga che, continuamente, si addentrano nelle strade interne del quartiere per comprare droga, dalla marjiuana alla cocaina, fino all'eroina, diffusa anche in queste zone. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nascondevano otto chili di cocaina in un garage del San Leonardo: arrestato un pizzaiolo ed il suo complice

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Esce di strada in via Emilia sotto la pioggia a dirotto: gravissimo al Maggiore

  • Maltempo: allerta per piene dei fiumi e frane in Appennino

  • Usò il collare elettrico fino a provocare la morte del cane: condannato allevatore 47enne di Parma

  • Blitz contro l'Ndrangheta nel parmense: sequestrati 9 milioni di euro di beni a due imprenditori

Torna su
ParmaToday è in caricamento