menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale di Vaio: ci sono le condizioni per riaprire il cantiere

Approvato lo stato di consistenza delle opere già realizzate. Avviate le procedure per la riassegnazione del contratto

Buone notizie per l’ampliamento dell’Ospedale di Vaio: il cantiere potrà ripartire a breve. A darne conferma è Elena Saccenti, direttore generale dell’AUSL di Parma “Nei giorni scorsi abbiamo sottoscritto con il commissario liquidatore di Unieco lo stato di consistenza dei lavori finora eseguiti. Una condizione, questa, indispensabile per procedere alla riassegnazione del contratto”. Il lungo verbale sottoscritto dalla parti, con un elenco puntuale di quanto è stato fatto da Unieco quantifica i lavori realizzati per un valore di circa 2 milioni e 200 mila euro.

La ditta seconda classificata – Edificanda srl di Latina - ha già dichiarato la propria disponibilità a voler completare i lavori. La formalizzazione dell’atto potrà esserci solo dopo un sopralluogo nel cantiere (l’appuntamento già fissato in agenda), chiesto dalla ditta per verificare lo stato dell’arte. Ora che la ripresa dei lavori è vicina, si potrà anche ridefinire quando la nuova ala sarà terminata. “L’AUSL è determinata a perseguire l’obiettivo di concludere l’opera entro la fine del prossimo anno”, afferma il direttore generale.

“La nuova ala dell’ospedale di Vaio sarà terminata, questa è la notizia che conta per la Comunità di Fidenza e per tutto il bacino ampio che ogni giorno trova a Vaio buoni servizi e buone professionalità – commenta il Sindaco di Fidenza, Andrea Massari – . Il problema occorso al cantiere non era né
piccolo, né semplice, ma è anche superando questo tipo di difficoltà che si dimostra, ancora una volta, quanto la cantierizzazione delle grandi opere pubbliche nel nostro territorio sia affrontata con estrema concretezza e con la massima trasparenza”.


I lavori all'Ospedale Di Vaio prevedono la realizzazione di una nuova ala e l’ampliamento del Pronto Soccorso. L’opera ha un costo di oltre 15 milioni e 500 mila euro, prevalentemente sostenuto dall’AUSL (per quasi 9 milioni e 500 mila euro) e in parte da Stato e Regione Emilia-Romagna. La realizzazione di queste opere è finalizzata al miglioramento dell'organizzazione  dei servizi con nuove collocazioni più funzionali, per assistiti e operatori e per rispondere alla domanda crescente di prestazioni.

Le tappe dei lavori

Il 10 giugno 2015, con la posa della prima pietra, ha preso il via l’intervento complessivo di ampliamento dell'Ospedale. Nel dicembre 2015, la ditta Unieco ha iniziato le “opere propedeutiche” alla realizzazione dei lavori di ristrutturazione del Pronto Soccorso e di costruzione dell’edificio della nuova ala. Nel maggio 2016, sono iniziati i lavori per riqualificare e ampliare il Pronto soccorso, la cui superficie è ora passata da 500 metri quadrati circa a oltre 1.200 metri quadrati. La nuova struttura, così riqualificata e ampliata secondo lo scadenzario previsto dal contratto di gara, è stata inaugurata l’8 novembre 2016. Sono quindi entrati nel vivo i lavori del cantiere per la costruzione della nuova ala, un edificio di sei piani (di cui uno interrato destinato a deposito e un sottotetto) con una superficie lorda complessiva prevista di 7.560 metri quadrati. Con l’inizio di quest’anno, sono iniziate da parte della ditta Unieco una serie di sospensioni prolungate ai lavori, culminate con una procedura di liquidazione coatta amministrativa, disposta dal Tribunale di Reggio Emilia il 7 aprile scorso

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: stop ai diesel Euro 4 fino a venerdì 5 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Ponte della Navetta, Alinovi al Ministero: “Aprirlo entro Pasqua”

  • Attualità

    Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento