menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pacco bomba all'Efsa, ipotesi anarcoinsurrezionalista

Alle ore 12 del 7 giugno è stata recapitata una busta esplosiva in viale Piacenza, alle 13 è stata fatta brillare dagli artificieri. Manca la rivendicazione ma una delle ipotesi è la pista legata a gruppi anarcoinsurrezionalisti

Il pacco bomba inviato da ignoti la mattina del 7 giugno 2016 alla sede dell'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare in viale Piacenza poteva esplodere ma non è possibile stabilire che danni avrebbe potuto provocare se fosse esploso. Una lettera, indirizzata ad un collaboratore dell'Efsa, che conteneva il necessario per provocare, secondo gli inquirenti, una fiammata. Alcuni fili e una batteria, oltre probabilmente a materiale pirico che avrebbe avuto come obiettivo forse proprio il collaboratore ma che avrebbe potuto essere aperta da chiunque e nello specifico dagli addetti allo smistamento della corrispondenza in arrivo all'Efsa.

Il pacco è stato fatto brillare dagli artificieri: non si hanno informazioni rispetto al timbro del mittente e alla città da dove è stata inviata: elemento che potrebbe essere utile alle indagini. Una delle piste probabili sembra essere quella dell'anarcoisurrezionalismo, ma non ci sono conferme su attività specifiche d'indagine. La modalità della lettera esplosiva, secondo gli inquirenti, potrebbe far pensare a quell'area politica: per ora non ci sono rivendicazioni sul Web e non sarebbero state trovate rivendicazioni all'interno del pacco spedito per posta. 

Il Procuratore aggiunto di Bologna Walter Giovannini ha aperto un fascicolo con le ipotesi di reato di porto e detenzione di materiale esplodente, con l'aggravante di aver agito con finalità di terrorismo. 

Il 3 novembre 2015 al parco Ducale di Parma venne ritrovato un ordigno davanti alla sede dei Ris, a firma 'Cooperativa Artigiana Fuoco e Affini - Fai', prima del ritrovamento ci fu la rivendicazione e anche un documento dove si spiegavano le ragioni del gesto. Per quell'ordigno fu aperto un fascicolo ma ad oggi non sono stati trovati i responsabili. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Attualità

Vaccino Moderna: Sda consegna oggi altre 21.600 dosi

Attualità

Inquinamento, bollino verde: niente stop ai diesel Euro 4

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento