menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Attentato all'Efsa: storia di un'istituzione legata a Parma

Tra innovazione e proteste nazionali ed internazionali, mai un fatto del genere aveva toccato l'edificio che fornisce all'Europa pareri e studi scientifici per la salvaguardare la sicurezza alimentare. Solidarietà per l'episodio di oggi arriva dal Ministro Martina

Che sia un obbiettivo sensibile lo si sapeva da tempo, da febbraio dello scorso anno quando nell'ambito dell'operazione Strade Sicure voluta dal Governo all'Efsa di Parma è stata assegnata una pattuglia dell'esercito a guardia dell'ingresso dell'edificio sede dell'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, situato in viale Piacenza.

Spesso Parma è stata meta di contestazioni a livello nazionale ed europeo proprio per la presenza dell'Authority Alimentare. La più movimentata che si ricordi è  stata quella del 20 marzo 2014 quando attivisti “No Ogm” sono entrati nell'androne del palazzo dell'Efsa, vestiti con tute bianche, e hanno attaccato adesivi contro le coltivazioni geneticamente modificate, lanciando anche frutta e sementi o brandendo lacrimogeni. All'epoca ci sono stati scontri con le forze dell'ordine che inizialmente avevano scortato i manifestanti all'interno dell'edificio per evitare disordini. Anche quel giorno i dipendenti dell'Efsa sono stati fatti evacuare, ma la protesta simbolica è durata circa una mezz'oretta per poi rientrare. 

Il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza lo ha poi, appunto, segnalato come obiettivo sensibile. 

Istituita come organo dell'Unione Europea nel 2002, l'Efsa ha avuto come sede “naturale” parma sin dal 2003, stabilendosi qui permanentemente nel 2005. Il completamento ufficiale della sede attuale e la sua inaugurazione è avvenuta però l'8 novembre 2012, dove una volta sorgeva lo stadio di Baseball di Parma, che ha lasciato il posto ad un edificio dall'architettura innovativa e ecocompatibile per la scelta energetica interamente proveniente da fonti rinnovabili.

Intanto arriva la solidarietà del Ministro per le Politiche Agricole e Forestali Maurizio Martina che afferma: “Voglio esprimere vicinanza a nome mio e del Ministero delle politiche agricole al direttore Bernhard Url e a tutti i dipendenti dell’Efsa a Parma per il grave episodio di oggi. Ringrazio gli inquirenti che hanno evitato che si verificassero conseguenze gravi. Voglio ribadire che per l’Italia la sicurezza alimentare è un tema fondamentale e siamo onorati che l’Efsa abbia sede proprio nel nostro Paese”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Ultime di Oggi
  • Attualità

    "Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

  • Cronaca

    Covid: novanta nuovi casi e un decesso

  • Attualità

    Vaccino: entro fine mese in arrivo 354mila dosi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento