''Paga globale', falsi certificati medici per malattie immaginarie: indagati anche 14 dipendenti

Alcuni lavoratori dell'azienda dell'imprenditore finito in manette avrebbero concordato con il datore di lavoro la presentazione di falsi certificati medici per 265 giorni di malattia

Sono accusati di truffa aggravata ai danni dello Stato 14 tra dipendenti ed ex dipendenti della società che si occupa di impiantistica industriale di Fidenza, finita al centro della maxi inchiesta della Guardia di Finanza di Fidenza che ha scoperchiato un sistema di falsi in grado di far risparmiare all'imprenditore 42enne finito in carcere ben 2 milioni e 600 mila euro. Secondo l'accusa i lavoratori avrebbero concordato, insieme al datore di lavoro, di presentare falsi certificati medici, che hanno consentito poi di far scattare le indennità dell'Inps. Si parla, sempre secondo gli inquirenti, di 365 giorni di malattia tra il 2011 e il 2016. In quelle giornate che avrebbero dovuto essere di malattia, invece, i dipendenti erano al lavoro. L'imprenditore avrebbe così risparmiato 10.500 euro di contributi in tre anni. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aeroporto, gli industriali ci mettono 8.5 milioni di euro: ecco i nuovi voli

  • Tragico incidente a Castione Marchesi: muore un bimbo di tre anni

  • "La Pianura Padana è una camera a gas"

  • Trova una ladra in camera da letto, la blocca e la fa arrestare: 26enne serba in carcere

  • Maxi blitz di polizia, carabinieri e finanza: città al setaccio

  • Dramma della disperazione in borgo Felino: 73enne trovato morto in casa

Torna su
ParmaToday è in caricamento