menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I lavoratori davanti ai cancelli

I lavoratori davanti ai cancelli

Pali Italia, stipendi non pagati: parte lo sciopero ad oltranza

Pali Italia. Da stamattina, lunedì 24 novembre, i lavoratori sono in sciopero ad oltranza davanti ai cancelli dell'azienda di Pizzolese. Rsu: "I lavoratori della Pali Italia, ancora una volta, faranno di tutto per evitare che si consumi un nuovo scempio sulla loro pelle"

Pali Italia. Da stamattina, lunedì 24 novembre, i lavoratori sono in sciopero ad oltranza davanti ai cancelli dell'azienda di Pizzolese. 

"Come un fulmine a ciel sereno -si legge in una nota di Fiom Cgil e Rsu- dopo un periodo in cui finalmente il lavoro era ripreso regolarmente, anche su più turni, e le retribuzioni venivano anch’esse erogate regolarmente, i lavoratori della Pali Italia si trovano di nuovo a far fronte al problema del mancato pagamento degli stipendi, con tutti i disagi e le sofferenze del caso, e la latitanza da parte di un azienda il cui Presidente Grazioli non ha saputo far altro che emettere un paio di comunicati rivolti direttamente ai dipendenti, l’uno per informare che le banche avevano respinto il Progetto della società e l’altro per avvisare che le retribuzioni del mese di ottobre avrebbero subito qualche giorno di ritardo, senza peraltro specificare l’entità del ritardo.

Quando finalmente riusciamo a parlare con alcuni rappresentanti dell’azienda, ma non con il Presidente che evidentemente pensa che il confronto con i rappresentanti dei lavoratori sia un optional, ci viene chiesto di pazientare un paio di settimane per le retribuzioni. Con i lavoratori riuniti in assemblea, i quali ancora una volta hanno dato prova di maturità accettando lo slittamento dello stipendio, decidiamo che al termine dei 15 giorni, in mancanza delle retribuzioni, sarà sciopero. Denunciamo, oltre al mancato pagamento degli stipendi, l’assoluta latitanza di un riferimento aziendale, nessuno in grado di dare una spiegazione e/o una risposta ai lavoratori, il nulla, l’assoluto silenzio più ingiustificato in un momento di grossa difficoltà.

Paradossalmente, in corrispondenza di una ripresa degli ordinativi si rischia, con evidente scelleratezza, di portare l’azienda al fallimento. I lavoratori della Pali Italia, ancora una volta, faranno di tutto per evitare che si consumi un nuovo scempio sulla loro pelle. Da Lunedì 24 novembre scenderanno in sciopero ad oltranza, presidieranno l’azienda, ma fanno anche sapere che sono pronti a riprendere il confronto con l’azienda. Purtroppo, ad oggi, l’azienda risulta ancora latitante e non in grado di rassicurare un futuro dignitoso alle persone che con il loro lavoro hanno contribuito a farla crescere e che hanno volontà e competenze per farla tornare un azienda leader nel settore."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Attualità

Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, aumentano i ricoverati al Maggiore: "Giovani vettori del virus"

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento