Parco Ducale, dopo la denuncia scattano i controlli. Folli: "La stampa estremizza"

Dopo la denuncia il Comune pulisce il laghetto e l'assessore attacca: "La situazione non è assolutamente drammatica come presentato dai media. Situazione simili in passato non avevano creato tanto scompiglio"

Degrado al parco Ducale. Dopo le polemiche suscitate nei giorni scorsi, partite da una denuncia fotografica del Pcl il Comune di Parma è intervenuto ed ha pulito il laghetto, lasciato in stato di abbandono dopo la morte del custode. L'assessore Folli avverte i cittadini: "Invitiamo i cittadini a recarsi personalmente al Parco Ducale per constatare come a volte la stampa enfatizza ed estremizza situazioni come fossero di totale degrado, e a farsi una propria idea sulla realtà”. Ma in realtà ammette la presenza della carcassa di un tartaruga morta. 

"
Nei giorni scorsi si sono susseguite le polemiche sulla situazione di degrado in cui verserebbe il Giardino Ducale: si è detto che il parco è abbandonato a sé stesso, che il laghetto è il simbolo visibile del degrado e che la sopravvivenza stessa degli animali è messa in pericolo dall’incuria di chi dovrebbe provvedere".

L’assessore all’ambiente Gabriele Folli ha voluto constatare personalmente la situazione con un sopralluogo effettuato questa mattina insieme ai tecnici. E l’impressione che ne ha tratto è ben diversa da quella rappresentata nei giorni scorsi su alcuni organi di stampa, pur nella consapevolezza che in una città, in qualunque città, fotografare elementi di degrado e sbatterli sulla pagina del giornale o sul sito è operazione tutt’altro che difficile.

“Stamattina – dice l’assessore Folli -  mi sono recato al Parco Ducale insieme a tecnici Iren deputati al recupero delle carcasse di animali morti ed alcuni tecnici del Comune per verificare direttamente la situazione. Effettivamente  - ammette Folli – è stata recuperata una tartaruga morta, che nei giorni scorsi è apparsa su stampa e siti web. Tuttavia – rileva l’assessore – posso affermare, senza tema di smentita, che la situazione non è assolutamente drammatica nella misura rappresentata dai media. Vi è un tratto di circa 20 metri a ridosso della bocca di uscita delle acque dove si sono raccolte ramaglie, castagne, qualche bottiglia, qualche sacchetto di plastica e schiuma,  che è stato pulito in giornata da un operatore Iren, con la collaborazione di una squadra operativa del Comune. Devo dire che ricordo situazioni simili negli anni passati che non avevano generato altrettanto scompiglio tra i media”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei prossimi giorni gli operatori faranno anche sopralluogo sull’isolotto per rimuovere abiti visibili da riva, in quanto si pensa che sia diventato oggetto di bivacco occasionale, e faranno un controllo generale su stato del luogo. La barchetta ormeggiata a riva, diventata ricettacolo di rifiuti, verrà rimossa. “In seguito alle offerte di collaborazione giunte da associazioni in questi giorni a mezzo stampa – fa sapere ancora Folli -  contatteremo i rispettivi referenti per verificare possibilità di collaborazione per gestione piccole manutenzioni e attività connesse agli animali presenti nel parco. Verrà fatta fare anche l’analisi delle acque per verificare la salubrità e il grado di ossigenazione a tutela delle specie animali presenti nel laghetto, che, come potete vedere dalle foto, sono in salute”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento