Area per cani nel Parco Falcone-Borsellino: Folli ascolta i disagi degli utenti

Sopralluogo dell’assessore nell’area cani, dove è stato accolto da alcuni frequentatori dell’area che hanno chiesto si intervenga sulla rete di recinzione interna che costeggia la parte bassa della staccionata

Sopralluogo dell’assessore all’ambiente, Gabriele Folli, nell’area cani del Parco Falcone Borsellino, dove è stato accolto da alcuni frequentatori dell’area che gli hanno sottoposto le criticità oggi riscontrabili. Carla Dall’Argine, Roberta Graiani, Domenico Manfredi ed Eleonora Mariani, accompagnati dai loro amici a quattro zampe, hanno illustrato le problematiche oggi presenti nell’area. In particolare hanno chiesto che si intervenga sulla rete di recinzione interna che costeggia la parte bassa della staccionata in legno e che è in alcuni punti rotta; inoltre hanno auspicato l’attivazione in tempi brevi della fontanella, chiusa nel periodo invernale per evitare danni dovuti al gelo, ed un miglioramento dell’illuminazione. L’assessore, dal canto suo, ha garantito il suo interessamento per la parte legata alla manutenzione ordinaria: sistemazione rete, attivazione fontana e verifica illuminazione. I frequentatori dell’area hanno anche richiesto l’ampliamento della stessa o la realizzazione di una nuova a fronte dell’alto numero di frequentatori. Su questo tema, l’assessore ha sottolineato che: “Il Comune ha come priorità, da un punto di vista economico, la garanzia dei servizi alla persona. E’, quindi, un problema di risorse al momento non disponibili”.

Inoltre Iren, su istanza dell’assessorato all’ambiente del Comune, sta provvedendo all’installazione di cartelli informativi in ogni area destinata ai cani. Sui cartelli saranno riportati non solo i giorni di svuotamento dei cestini, ma anche il numero verde gratuito 800 212 607 da contattare dal lunedì al venerdì dalle 8,00 alle 17,00 e il sabato dalle 8,00 alle 13,00 e l’email ambiente.pr@gruppoiren.it per poter segnalare eventuali disservizi, fra cui il mancato svuotamento dei cestini per la raccolta delle deiezioni canine nelle suddette aree.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono 34 le aree per cani presenti nel territorio comunale. E si trovano nel Parco Baganza, Parco Pellegrini, Parco Ducale, Parco Ernani, Parco Taci, Parco Cittadella, via Argonne – via Fratelli Bandiera, Parco Charlie Alpha, via Mordacci – via Castagnola, via Minghetti – via Cremonese, via Casalegno – via Terranova, via Casaburi – via Jacobs, Parco del Dono – via Bizzozero, Parco Ferrari, via Pertini, via Genova area di fronte a piazzale Salsi – via Paradigna, via Montale, Parco Nord, via Don Pizzaferri, stradello Matilde di Canossa, Parco Falcone e Borsellino, Parco Martini, via Ardigò, Parco San Bruno, piazzale Lubiana, via Ouradour, via Sidoli, via Pizzetti, Parco Fano e Della Pergola, parco Montanara. A cui si aggiungono tre aree a Fognano e una Baganzola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

  • Influenza: a Parma il primo caso in un bimbo di 9 mesi

  • Coronavirus: a Parma 15 nuovi casi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento