Parma capitale dello sport, Marani: "Grazie a tutte le società locali"

Il responsabile dello Sport commenta la prima posizione della nostra città: "Anche quest'anno sono stati raggiunti risultati eclatanti come il terzo scudetto dei Panthers"

Presa di posizione dell'assessore allo sport e politiche giovanili, Giovanni Marani, circa il mondo dello sport a Parma, alla luce dei dati diffusi dal Sole 24 Ore nella giornata di lunedì 20 agosto 2012.

“All’indomani della splendida notizia appresa dagli organi di stampa nazionali, che vede la nostra provincia al primo posto in Italia per quanto riguarda la pratica sportiva, credo sia doveroso un piccolo ringraziamento, per il successo ottenuto, a tutti gli sportivi di Parma e provincia. Un grande ringraziamento è anche doveroso a tutte le società sportive, agli enti e alle federazioni che hanno lavorato e che continuano tuttora a lavorare, ogni giorno, affinché questo risultato non sia il punto d’arrivo, ma anzi uno stimolo per continuare costantemente su questa strada, che ritengo sia quella giusta. Mi piace considerarla la strada della sinergia e del coinvolgimento, in cui fare rete sia necessario per costruire questo “prodotto sportivo” chiamato Parma.

Anche quest’anno sono stati raggiunti risultati eclatanti: tra i più recenti il terzo scudetto dei Panthers (vincere tre titoli nazionali consecutivi è cosa epica e da pochi), e la stupenda vittoria di Chiara Fontanesi nel motocross. Una vera fuoriclasse che speriamo di poter incontrare per ringraziarla del risultato ottenuto e per farle i complimenti di persona, da parte di tutta l’amministrazione.

In questo momento, come tutti sappiamo, la situazione delle casse comunali è di rilevante difficoltà. Tuttavia non è in diminuzione l’impegno dell’amministrazione verso lo sport. Non si può nascondere la verità: proprio a causa delle difficoltà economiche il numero degli eventi nel 2012 è calato rispetto a quanto fatto nel 2011. Anche nel 2013, molto probabilmente, saranno contenute quelle che sono le manifestazioni e gli eventi. Ma questo non vuol dire che  la Giunta sia lontana dalle società sportive, tutt’altro: quello che si sta progettando, come auspicato precedentemente, è un importante lavoro di raccordo e di sinergia con tutti gli attori presenti in questo universo: società sportive, associazioni e federazioni. Insieme, con il lavoro di tutti, sarà più facile superare le criticità.

Riguardo ai progetti futuri, ritengo importante informarvi sulla volontà di unire due esperienze passate che considero di valore: il progetto replay, con il suo sportello per il diritto allo sport, e il progetto dello sportello dello sport, immaginato dalla precedente amministrazione. L’obiettivo è quello di censire in modo puntuale tutto ciò che riguarda la galassia sportiva di Parma. Non ci limiteremo ad una mera costruzione anagrafica delle società e della loro struttura geografica: costruiremo una vera e propria base dati integrale per poter essere d’aiuto e di consulenza per i tre attori principali dello sport: il fruitore, il dirigente e lo sponsor.

Il fruitore. Chi fa sport spesso abbandona la pratica perché deluso nelle aspettative. Succede spesso durante il passaggio dal gioco infantile ai primi contatti con lo sport preadolescenziale, ma anche nella fase di passaggio dall’età adolescenziale a quella adulta. Oltre al censimento anagrafico, dunque, vogliamo predisporre un censimento degli obiettivi: al ragazzo che vuole unicamente divertirsi daremo la possibilità di accostarsi a quelle società che sviluppino la pratica sportiva in tal senso, e così anche per chi dal divertimento intende passare all’attività agonistica. Nella banca dati che intendiamo predisporre otterrà ogni tipo di informazione in merito.

La dirigenza. La necessità della dirigenza è anche quella di trovare costantemente nuove risorse da poter investire, perché oggigiorno la sola quota iscrizione alle società non permette un sufficiente sostentamento. Intendiamo quindi offrire consulenza alle società per aprire i propri orizzonti, al fine di reperire risorse in modo differente dall’ordinario, tramite, ad esempio, nuovi bandi regionali od europei.

Sponsor. Alcune aziende che intendono investire nello sport si accorgono della necessità di individuare attività sportive in sintonia con la propria politica aziendale, e con l’immagine che l’azienda vuole dare di se’. E’ dunque importante offrire consulenza all’imprenditore che intende accostarsi allo sport, permettendogli di visionare una cospicua banca dati in cui potrà trovare settori e società sportive più vicine alla propria politica di marketing aziendale.
Concludo affermando che a Parma lo sport non si è fermato, e non si ferma. È possibile che in futuro sia meno visibile, ma sicuramente non meno presente”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Pasta al glifosato: ecco i marchi che la contengono (e quelli da non dare ai bimbi)

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Ferie blindate: niente vacanze in montagna e divieto di spostamento fuori regione per i parmigiani

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Firmato il Dpcm, coprifuoco e spostamenti: cosa cambia per i parmigiani

Torna su
ParmaToday è in caricamento