menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Finanza negli uffici di Parma Infrastrutture: acquisiti documenti

I finanzieri sarebbero arrivati lunedì mattina La super partecipata del Comune ha un debito di 30 milioni di euro. L'amministratrice Rossella Saoncella l'aveva definita una 'società farsa'

La Guardia di Finanza ha effettuato una perquisizione negli uffici di Parma Infrastrutture. Ne dà notizia la Gazzetta di Parma. I finanzieri sarebbero arrivati lunedì mattina ed avrebbero acquisito alcuni faldoni contenenti documenti, bilanci e dati relativi ai contratti ed alle consulenze. Parma Infrastrutture, che ha un debito di 30 milioni di euro è stata recentemente al centro delle polemiche per le dichiarazioni dell'amministratrice Saoncella che l'aveva definita come una società farsa, creata apposta per trasferire l'ingente indebitamento del Comune di Parma. In Consiglio comunale poi è stata approvata una delibera per il finanziamento a Parma Infrastrutture. Il 3 dicembre 2012 Rosario GIannini è stato nominato nuovo amministratore unico della società.

PARMA INFRASTRUTTURE: UN ELEFANTE MALATO

Parma Infrastrutture: 30 milioni per far ripartire la città
QUESTA SOCIETA' E' UNA FARSA'. "Credo che questa società sia una farsa - ha dichiarato Rossella Saoncella neoamministratrice di Parma Infrastrutture - mi sembra sia stata creata solo perché il Comune, a causa dei debiti, non riusciva a chiudere i bilanci. Gestita in modo insano secondo una modalità in cui prima si spendevano i soldi e poi si vedeva se c'erano i finanziamenti e la copertura necessaria. Ho trovato una pianificazione di interventi per 150 milioni, li ho ridotti a 32".

Potrebbe interessarti: https://www.parmatoday.it/economia/parma-infrastrutture-debiti-polemiche.html
Leggi le altre notizie su: https://www.parmatoday.it/ o seguici su Facebook: https://www.facebook.com/ParmaToday


PARMA INFRASTRUTTURE. BUZZI E PELLACINI NEL 2010. La gestione dei beni immobili comunali a Parma Infrastrutture
"Abbiamo ritenuto - ha detto il vicesindaco Paolo Buzzi - che il miglior modo per garantire ai cittadini una manutenzione puntuale e continua e una più efficace, efficiente ed economica gestione dei beni pubblici fosse individuabile in una Società di capitali con partecipazione interamente pubblica sotto l'indirizzo e il controllo del Comune stesso".

L'assessore al Patrimonio, Giuseppe Pellacini ha sottolineato che "vi è stata una particolare attenzione, sul piano dell'opportunità amministrativa, nel garantire che siano gli organi elettivi dell'Ente a decidere se un determinato bene appartenente al Patrimonio pubblico debba essere alienato oppure no e quali siano le manutenzioni ordinarie e straordinarie da eseguire".



Potrebbe interessarti: https://www.parmatoday.it/cronaca/infrastrutture-gestione-beni-immobili-comune.html
Leggi le altre notizie su: https://www.parmatoday.it/ o seguici su Facebook: https://www.facebook.com/ParmaToday

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid: green pass in arrivo dal 10 maggio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, 62 nuovi casi e due morti

  • Attualità

    Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

  • Attualità

    Mercateinfiera rinnova l'appuntamento ad ottobre 2021

  • Cronaca

    Il Giro d'Italia passa da Parma

  • Attualità

    Meteo: ecco che tempo farà nel week end del 1° Maggio

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento