menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roberto Donadoni. foto: Fc Parma

Roberto Donadoni. foto: Fc Parma

Prima uscita del Parma per la Tim Cup, Donadoni: "Il Lecce non ha nulla da perdere"

Mister Roberto Donadoni, alla vigilia del primo impegno agonistico della stagione 2013/2014: "Tra le sue fila, al di là di Miccoli, ci sono altri giocatori di qualità. Sarà un incontro in cui bisognerà essere guardinghi"

Mister Roberto Donadoni, alla vigilia del primo impegno agonistico della stagione 2013/2014, il terzo turno di Tim Cup, in programma domani sera allo stadio Ennio Tardini contro il Lecce, mette in guardia i suoi ragazzi e tiene alta la loro attenzione.

“Il Lecce - ha spiegato oggi il mister in conferenza - è una squadra che non ha nulla da perdere, ma tutto da guadagnare. Tra le sue fila, al di là di Miccoli, ci sono altri giocatori di qualità. E’ una squadra che ha già battuto in questa manifestazione una formazione di una categoria superiore alla sua. Di conseguenza noi dobbiamo affrontarla con molta attenzione, anche perché è l’ultima partita che disputeremo prima dell’esordio in campionato.

BIGLIETTI: LE INFO E LE MODALITA' DI ACQUISTO

Sarà un incontro in cui bisognerà essere guardinghi, in cui si dovrà dimostrare di avere una maturità completa, in cui bisognerà essere bravi ad affondare al momento giusto, senza perdere la pazienza se gli spazi saranno ridotti. Mi chiedete se il Parma è pronto? Abbiamo svolto un percorso positivo, dal pre-ritiro di Ostuni a oggi. Dobbiamo continuare sulla nostra strada, lungo un programma di crescita che deve essere portato avanti passo dopo passo. Dopo la prestazione di Londra contro il Fulham, mi attendo un altro miglioramento”.

Mister Donadoni, come sempre, non ha fornito indicazioni particolari sullo schieramento che manderà in campo e ha risposto alle domande che gli sono state rivolte su Antonio Cassano, Mattia Cassani e Gianni Munari:

“Antonio è pronto nella misura in cui può esserlo. Come ho già sottolineato, viene da tre anni in cui non ha svolto la preparazione estiva. Qui sta lavorando molto bene. Non è ancora al top, ma se continua con questo impegno, in breve tempo potrà raggiungere la sua condizione ottimale. Cassani e Munari sono due grandi professionisti e due giocatori molto duttili, caratteristica fondamentale per far parte della nostra squadra. Domani sera farà parte della sfida di Tim Cup chi sta meglio, chi mi dà più garanzie, chi mostrerà maggiori motivazioni. E’ un discorso che vale per il ragazzino di diciassette anni come per l’esperto di trentasei”.  Tutti in guardia dunque, si comincia a fare sul serio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento