menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Senza stipendio da mesi: la redazione di Parma Qui in sciopero

Il presidente della Sep, Marangon: "Si biasima che tale documento sia stato diffuso nonostante l'avvenuta comunicazione del pagamento dello stipendio, tant'è che la maggioranza della redazione non ha condiviso il comunicato del Cdr"

"A fronte di una grave situazione di disagio, disorganizzazione, difficoltà economica e incertezza nel futuro del progetto editoriale di Sep scarl, che continua ormai da mesi, la redazione di “Parma Qui” – già in stato di crisi con avvio di contratti di solidarietà da maggio 2010 – proclama lo stato di agitazione", lo si legge in una nota diffusa dal Comitato di redazione del quotidiano ex “Informazione di Parma”.
“Le preoccupazioni riguardano innanzitutto i contributi Inpgi, che non vengono versati da due anni. Ai redattori risulta che sia stato predisposto un piano di rientro con l’ente, ma né i dettagli né gli sviluppi sono stati comunicati agli interessati.

Lo stipendio di dicembre 2010 è arrivato in due tranche: la prima, corrispondente al 40 per cento del totale, a metà gennaio; la seconda ai primi di febbraio. Da quel momento i giornalisti non hanno più percepito compensi, senza contare che l’Inpgi non ha potuto versare la quota di solidarietà dovuta a ciascuno perché, a causa di negligenze amministrative, non sono state inviate per tempo all’ente di previdenza le buste paga dei mesi di dicembre, gennaio e febbraio.

Finora i redattori hanno continuato a fare il loro dovere con lo stesso senso di responsabilità e la cura di sempre. Hanno mostrato, anzi, di saper compiere sforzi ulteriori adattandosi a un consistente aumento del carico di lavoro nonostante la riduzione progressiva dell’organico e dello stipendio. A tutto ciò si aggiunge l’assenza di una linea editoriale definita e di prospettive concrete per poter proseguire il percorso intrapreso.
L’ultima assemblea dei soci, convocata in data 31 marzo 2011, è stata chiusa e riconvocata a data da destinarsi, senza lasciare la possibilità ai soci di verificare le condizioni economiche della cooperativa e la possibilità di continuare le pubblicazioni del giornale.

Considerando che, nonostante le richieste da parte dei soci lavoratori della cooperativa Sep scarl, per diversi motivi l’assemblea dei soci non riesce a svolgersi regolarmente, la redazione – a tutela della propria dignità – ha deciso di avviare uno sciopero a oltranza a partire da venerdì 1 aprile 2011, anche alla luce dell’annuncio di ulteriori esuberi da parte del direttore di “Parma Qui” e presidente della cooperativa Sep scarl Cinzio Marangon, finché non sarà convocata l’assemblea dei soci e finché non saranno versati tutti i compensi dovuti”.

LA RISPOSTA DI CINZIO MARANGON - Presidente Sep e direttore Parma Qui
In merito alla diffusione del comunicato a firma Cdr di Parma Qui, nello stigmatizzare tale azione avvenuta prima della consegna al presidente della Servizi editoriali padani scarl, nonché direttore del quotidiano Parma Qui, si ribadisce che a fronte di una conclamata situazione di crisi aziendale, peraltro non di certo unica nel panorama editoriale, si sta intraprendendo un percorso di ristrutturazione aziendale finalizzata alla salvaguardia della cooperativa stessa.
Inoltre si biasima che tale documento sia stato diffuso nonostante l’avvenuta comunicazione del pagamento dello stipendio, tant’è che la maggioranza della redazione non ha condiviso il comunicato del Cdr, ne ha preso dichiaratamente le distanze e non aderisce alle iniziative in esso proclamate.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 157 casi 5 decessi

  • Cronaca

    Bonaccini: "Se i contagi aumentano, pronti a chiudere le scuole"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento