Parma si rifà il look: 60 nuovi cestini nel centro storico

L'intervento prevede un rinnovamento totale e, ovviamente, la sostituzione di quelli danneggiati e vandalizzati

Nuovo cestino in Borgo Antini

Al via i lavori di sostituzione dei cestini dei rifiuti in centro storico. L'intervento rientra in un accordo tra Comune e Iren e prevede il posizionamento di circa 60 nuovi cestini di dimensioni maggiori rispetto a quelli che sono in corso di sostituzione.

La riorganizzazione dei cestini nel centro storico segue le linee suggerite dagli studi e dalle indagini preliminari volte a migliorare la fruibilità degli stessi e la loro collocazione, con un occhio di riguardo anche al decoro urbano, in modo da coniugare gli aspetti funzionali a quelli estetici.

L'intervento prevede un rinnovamento totale e, ovviamente, la sostituzione di quelli danneggiati e vandalizzati. La razionalizzazione dei cestini rientra nella riorganizzazione degli stessi sul territorio, in quanto i nuovi sono di dimensioni maggiori, più capienti e meglio rispondenti alle esigenze attuali.

La sostituzione dei vecchi cestini è avvenuta anche alla luce di una particolare attenzione alla fruibilità dei marciapiedi: i nuovi non creeranno più ostacoli a pedoni. Inoltre sono conformati in modo da evitare l'abbandono dei rifiuti e, date le loro caratteristiche tecniche, agevoli per lo svuotamento e pratici per la loro gestione.

In futuro, il loro numero potrà aumentare a seguito delle necessità valutate dagli uffici competenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Pasta al glifosato: ecco i marchi che la contengono (e quelli da non dare ai bimbi)

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Ferie blindate: niente vacanze in montagna e divieto di spostamento fuori regione per i parmigiani

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Firmato il Dpcm, coprifuoco e spostamenti: cosa cambia per i parmigiani

Torna su
ParmaToday è in caricamento