menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parmacotto, ecco il piano di risanamento: 54 esuberi in vista

I sindacati: "Chiederemo la convocazione urgente di un tavolo di crisi istituzionale a cui partecipino il Comune di Parma, la Provincia e i parlamentari del territorio, affinché si trovino soluzioni alternative a quelle decise dagli attuali vertici di Parmacotto"

Parmacotto spa ha depositato presso il Tribunale di Parma un piano di risanamento che prevede un forte ridimensionamento del proprio perimetro industriale e che ha come prima e diretta conseguenza 54 esuberi tra i quasi 200 lavoratori oggi impiegati. "I vertici aziendali  -scrivono i sindacati- avrebbero così deciso di concentrare la produzione nel solo stabilimento di San Vitale Baganza. Si tornerebbe così indietro di 15 anni, vendendo 9 linee di affettamento su 13 e abbandonando completamente il sito produttivo di Marano realizzato tra mille difficoltà meno di 5 anni fa e che si sviluppa su un’area di 72 mila metri quadrati".

LA NOTA DEI SINDACATI- "I lavoratori Parmacotto e le organizzazioni sindacali territoriali -si legge in una nota- guardano con preoccupazione a questo piano industriale che, oltre a tagliare tanti posti di lavoro nel breve, non pare garantire nel medio/lungo periodo quella continuità aziendale necessaria a mantenere il posto di lavoro a quei lavoratori che resterebbero nella nuova realtà produttiva. Crediamo che Parma, già pesantemente battuta dalla crisi che colpisce migliaia di lavoratori e le loro famiglie, non possa permettersi di perdere altri posti di lavoro. Per questo come FLAI, FAI e UILA provinciali faremo tutto il possibile per tutelare i lavoratori di Parmacotto cogliendo ogni opportunità che annulli o riduca l’impatto sull’occupazione. Per questa ragione chiederemo la convocazione urgente di un tavolo di crisi istituzionale a cui partecipino il Comune di Parma, la Provincia e i parlamentari del territorio, affinché si trovino soluzioni alternative a quelle decise dagli attuali vertici di Parmacotto e contenute nel piano industriale, per salvaguardare l’integrità aziendale di un marchio così importante del nostro territorio e garantire i livelli occupazionali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento