Latte e camorra. Euromilk confiscata, in vendita. Ma nessun aggiudicatario

L'azienda di distribuzione del latte alla quale la Parmalat di Tanzi affidò i propri prodotti sequestrata al clan dei casalesi è stata messa in vendita. Da Napoli comunicano che "non vi è stata alcun aggiudicatario, non possiamo dire il perchè"

Latte connection. I Capaldo si aggiudicarono il monopolio della distribuzione del latte nel casertano a suon di bombe e intimidazioni; Tanzi gli affidò lo smistamento dei prodotti Parmalat. Poi il sequestro dell'Euromilk per contiguità con gli ambienti camorristici e la successiva confisca. L'azienda non è però mai stata chiusa, ma venne affidata a un custode giudiziario. A novembre viene lanciato dall'Agenzia Nazionale per l'Amministrazione e la destinazione dei Beni Sequestrati e Confiscati alla Criminalità Organizzata il bando che prevedeva la vendita all'asta di Euromilk. Il termine per la presentazione delle offerte scade a metà dicembre. Da lì l'apertura delle buste e la valutazione degli acquirenti.

L'azienda vale, secondo la relazione di stima presentata dal revisore legale, 1 milione e 700mila euro. L'asta però non ha prodotto alcun esito. Dalla sezione campana dell'Agenzia che ha in carico i beni sequestrati alla famiglia Capaldo il dott. Capasso spiega che “la vendita non è stata assegnata. L'asta non ha portato a nessun aggiudicatario”. Perchè? “Non possiamo dirlo, è una questione troppo delicata” risponde da Napoli il responsabile dell'Agenzia. “Quello che possiamo dire – aggiunge – è che in una zona ad alta densità criminosa come quella del casertano è difficile distribuire senza percorre strade borderline. Non mi sorprese che anche Parmalat fu coinvolta in questi ambienti. Spesso le aziende sono intestate a prestanome, nulla è visibile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Euromilk faceva inizialmente capo a Sergio Cragnotti che controllava la società attraverso il gruppo Cirio. Misteriosamente i gruppi camorristici garantiscono con una serie di attentati il monopolio della distribuzione del latte in buona parte della Campania ad Euromilk. I prezzi del latte nel casertano, nella provincia di Aversa e nelle aree partenopee raggiungono i livelli più alti d'Europa: è la tangente legalizzata che i cittadini pagano ai casalesi, a Cirio prima e a Parmalat dopo la migrazione al gruppo Tanzi. La messa all'asta di Euromilk è coincisa con l'arresto del proprietario Fillippo Capaldo e del padre Raffaele Capaldo cognato di Michele Zagaria entrambi accusati di estorsione aggravata dal metodo mafioso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'obbligo di mascherine all'aperto e la chiusura dei locali: ecco il nuovo piano anti-Covid 19

  • Betoniera si ribalta in tangenziale: muore il conducente 31enne

  • Coronavirus: riapre il reparto Covid al padiglione Barbieri

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento