menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parmalat, dividendo in calo. Tatò: "Lactalis non è affamata"

Il presidente di Parmalat ha aperto così la conference call con gli analisti a proposito del dividendo che è sceso da 5,2 a 3,9 centesimi. La società di Collecchio ha pagato 131 milioni di euro per il fondo pensione degli insegnanti dell'Ontario

Lactalis non è affamata di liquidità. Così il presidente di Parmalat, Franco Tatò, aprendo la conference call con gli analisti sui conti del gruppo di Collecchio a proposito del dividendo che è sceso da 5,2 a 3,9 centesimi. "L'azionista di maggioranza (la famiglia Besnier, ndr) non ha interesse di danneggiare la società: non c'é fame di liquidità", ha detto, precisando che il "Cda è soddisfatto per i conti" archiviati mercoledì scorso con un utile netto di 172,2 milioni (+1,1%) e un fatturato in progresso del 16,4% a 5,22 miliardi.

Tatò ha quindi spiegato che il pagamento del dividendo in misura ridotta quest'anno è stato condizionato da un mix di fattori tra cui le regole del fallimento del gruppo Parmalat che bloccano la destinazione dell'utile fino ad un massimo del 50% e la causa con il fondo pensione degli insegnanti dell'Ontario che ha costretto la società di Collecchio a pagare 131 milioni di euro.

"Non possiamo quantificare" l'eventuale impatto derivante dall'annullamento dell'acquisto di Lactalis Usa da parte del Tribunale di Parma. Cosi il Ceo del Parmalat Yvone Guerin a margine dell'incontro con gli analisti. "Stiamo aspettando la risposta del Tribunale, la giustizia fa il suo lavoro, noi gestiamo la società", ha concluso. La liquidità di Parmalat, che a fine 2012 ammontava a oltre 800 milioni di euro, è investita in depositi bancari in continuità con la precedente gestione targata Enrico Bondi. Lo ha detto il Cfo del gruppo di Collecchio, Pierluigi Bonavita, nel corso della conference call con gli analisti. "Parmalat ha la maggior parte della posizione liquida investita in depositi bancari ripartiti e non concentrati in diverse banche nazionali". Si tratta di una politica "in continuità col passato" e "una parte di questa liquidità è stata data alle controllate".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccino dai 60 ai 64 anni: a Parma 7.400 prenotazioni

Attualità

L'11 Maggio passa il Giro

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 43 casi e un decesso

  • Cronaca

    Il piano di Patrick: voleva uccidere anche Maria Teresa

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento