Lactalis, ispezione alla Parmalat? Si deciderà il 7 febbraio

Inchiesta penale per il reato di appropriazione indebita aggravata: indagati il presidente Franco Tatò, l'amministratore delegato Yvon Guerin, i consiglieri Sala, Reboa, Gatti e il direttore generale Vanoli

Si pronuncerà il prossimo 7 febbraio, dopo la discussione tra le parti, il giudice del tribunale di Parma Roberto Piscopo sulla eventualità o meno di disporre una ispezione in Parmalat sul caso Lactalis Usa. Si tratta dell'atto conclusivo del procedimento che punta a fare chiarezza sul passaggio dell'azienda americana al colosso di Collecchio, due società che appartengono al medesimo proprietario, la Bsa Sa, società lussemburghese della famiglia Besnier. L'azienda americana fu acquistata nel maggio del 2012 con un passaggio 'infragruppo' per oltre 900 milioni di euro, un esborso che di fatto prosciugò gran parte del tesoretto conquistato da Enrico Bondi dopo il crac dell'era Tanzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'acquisizione fece scattare prima una denuncia alla Consob da parte degli azionisti di minoranza di Parmalat e poi l'apertura di un procedimento civile presso il Tribunale di Parma, arrivato oggi alla fase finale. Il giudice oggi ha dichiarato chiusa l'istruttoria ma ha rinviato ogni decisione a giovedì 7 febbraio. Sempre ieri in aula si è presentato anche il presidente di Parmalat, Franco Tatò. Il manager, che aveva disertato l'udienza precedente a cui era stato convocato per motivi di salute, è stato sentito per due ore dai magistrati.

Negli atti del procedimento sono stati acquisiti anche i risultati della perquisizione effettuata nello scorso mese di dicembre dalla Guardia di Finanza per ordine della procura di Parma (in aula era presente il pm Lucia Russo). I magistrati parmigiani hanno infatti aperto una inchiesta penale per il reato di appropriazione indebita aggravata e risultano indagati il presidente di Parmalat Franco Tatò, l'amministratore delegato Yvon Guerin, i consiglieri Antonio Sala, Marco Reboa, Francesco Gatti e il direttore generale Antonio Vanoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Pestato a sangue per aver difeso un collega: barista di Busseto in ospedale

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento