Pasimafi: dalla Procura 75 richieste di rinvio a giudizio

Scandalo sanità e corruzione, i Pm hanno depositato la richiesta: tra gli imputati anche sei medici in servizio all'Ospedale Maggiore

Pasimafi è il nome dell'inchiesta che nel maggio del 2017 ha fatto venire a galla un sistema di corruzione in sanità che fino a quel momento era rimasto sotto traccia. Uno scandalo, un terremoto giudiziario per la sanità parmigiana. Il luminare della terapia del dolore Guido Fanelli è stato arrestato insieme ad altre 18 persone. La Procura di Parma ha depositato 75 richieste di rinvio a giudizio che riguardano 65 persone, tra medici, dirigenti di case farmaceutiche e informatori scientifici e 10 società. L'inchiesta, seguita dai Pm Giuseppe Amara e Paola Dal Monte aveva portato all'arresto di Guido Fanelli, considerato dagli inquirenti al centro del sistema di corruzione, e di alcuni suoi collaboratori, Massimo Allegri, Antonio Mutti e Pierfranco Salcuni. Le richieste di rinvio a giudizio sono state fatte anche nei confronti di sei medici ancora in servizio al Maggiore. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto a Varano dè Melegari, esce di strada con l'auto: muore 33enne

  • Venditti: "Ci hanno tolto la luce, abbiamo interrotto il concerto: imbarazzante"

  • Bomba d'acqua a Parma: allagamenti e disagi alla circolazione stradale

  • Sorbolo, pauroso frontale tra due auto in via Mantova: tre feriti gravi

  • Fatture false, società fantasma e fondi di denaro 'occulti' per evadere il fisco, tre arresti: sequestrati immobili di lusso

  • Telefonate per cambiare contratti luce e gas: Federconsumatori mette in guardia gli utenti

Torna su
ParmaToday è in caricamento