Cronaca Via Grandi

Torrile, tagliate le spese della materna: i pasti serviti da volontari

La Cgil: "Fino al 31 dicembre il servizio veniva svolto da 4 lavoratrici dipendenti di una azienda che si era aggiudicata l'appalto e che oggi si ritrovano con l'orario di lavoro pesantemente decurtato"

Bambini in mensa

La Filcams Cgil di Parma esprime la propria preoccupazione a fronte della decisione del Comune di Torrile di affidare in servizio di sporzionamento pasti all'interno della scuola materna di San Polo ad una associazione di volontariato.
Fino al 31 dicembre 2011 tale servizio veniva svolto da quattro lavoratrici dipendenti di una azienda che si era aggiudicata il lavoro mediante una regolare gara di appalto, e che oggi si ritrovano con l'orario di lavoro pesantemente decurtato.

"Non si riesce a comprendere - si legge in una nota del sindacato - come sia possibile che un servizio delicato come quello della mensa della scuola materna venga ora affidato non più a personale adatto e formato per poterlo eseguire, ma lasciato alla disponibilità di persone che svolgono volontariato nel loro tempo libero.
Se a tutto ciò aggiungiamo la particolare congiuntura economica nella quale ci troviamo e la crescente difficoltà degli enti pubblici nel garantire i servizi, non vorremmo che passasse il tentativo di mascherare l'efficienza ed il contenimento dei costi con l'illegittima sostituzione di lavoratori da parte di personale volontario, una ricetta tanto semplice quanto pericolosa per la tenuta occupazionale".

Il sindacato di categoria ha per questo richiesto un incontro con il sindaco di Torrile al fine di chiarire tale situazione, tenacemente deciso a contrastare una deriva che non tutela né i posti di lavoro né la qualità di servizi primari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torrile, tagliate le spese della materna: i pasti serviti da volontari

ParmaToday è in caricamento