Cronaca

Verrusio dimessa: 'Motivi personali". Peculato? 'Potrei fare il siero della verità"

"L'accusa di peculato è arrivata in seguito ad una specie di stalking -dichiara Patrizia Verrusio riferendosi alle foto effettuate dal Pcl in stazione, che hanno fatto partire il caso. C'è stata una grande esposizione mediatica"

Il giorno dopo l'uscita di scena della Comandante dei Vigili Urbani di Parma Patrizia Verrusio il sindaco Federico Pizzarotti, l'assessore alla sicurezza Cristiano Casa e la stessa Verrusio anticipano una conferenza stampa già fissata per lunedì e si mostrano compatti ai numerosi giornalisti presenti in sala. La voce è una sola: 'Motivi personali". E niente di più. "Motivi di organizzazione della mia vita privata". Nulla a che vedere con l'accusa di peculato ipotizzata nei confronti della Comandante da parte della Procura della Repubblica di Parma. E su questo punto Pizzarotti e Verrusio non si risparmiano. "L'accusa di peculato è arrivata in seguito ad una specie di stalking -dichiara Patrizia Verrusio riferendosi alle foto effettuate dal Pcl in stazione, che hanno fatto partire il caso. C'è stata una grande esposizione mediatica, a leggere gli articoli in effetti si potrebbe pensare che io abbia fatto qualcosa di male.

"Spero che verrà dato lo stesso spazio quando verrà accertata la mia correttezza". E sull'arrivo della Guardia di Finanza in Municipio il giorno prima delle sue dimissioni Patrizia Verrusio è serena. Anzi. "Sono contenta che la Guardia di Finanza sia venuta a prendere gli atti, la Procura sta facendo il suo lavoro. Sono contenta che ci sia una giustizia che funziona. Sono talmente onesta che potrei fare il siero della verità". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verrusio dimessa: 'Motivi personali". Peculato? 'Potrei fare il siero della verità"

ParmaToday è in caricamento