Pesci, l'accusa si aggrava: violenza sessuale di gruppo

La decisione del Pm Andrea Bianchi dopo le motivazioni della sentenza di condanna di Wilson Ndu Aniyem: il processo sarà a porte aperte

C'è una novità rilevante per quanto riguarda il processo nei confronti dell'imprenditore parmigiano 46enne Federico Pesci, sotto accusa per la presunta violenza sessuale che sarebbe stata compiuta dal parmigiano nei confronti di una ragazza di 21 anni, insieme al nigeriano Wilson Ndu Aniyem. Il Pm Andrea Bianchi, durante l'udienza di ieri, 22 maggio, ha comunicato l'aggravamento dell'accusa contro il parmigiano: da violenza sessuale a violenza sessuale di gruppo. Un reato che vede come pena da un minino di 6 anni ad un massimo di 12 anni di reclusione. Dopo le motivazioni della sentenza del Gup Fiorentini, che hanno portato alla condanna a 5 anni e 8 mesi del nigeriano Wilson Ndu Aniyem, con il rito abbreviato, il Pm ha cambiato l'accusa nei confronti del 46enne. Dopo la comunicazione della nuova accusa i difensori di Pesci, Fabio Anselmo e Mario L'Insalata hanno chiesto hanno chiesto il rinvio dell'udienza in corso il 22 maggio ma il collegio dei Giudici si è opposto. La discussione è stata rinviata al 29 maggio. Federico Pesci è arrivato in Tribunale con le foto dei messaggi che la ragazza gli avrebbe inviato dopo la nottata nell'attico di via XXIV Maggio: "Dopo quella notte mi aveva chiesto di dormire lì ma sono stato io a dirle di che doveva andarsene perchè dovevo lavorare". Secondo gli avvocati della difesa la nuova accusa sarebbe debole: "Ci troviamo di fronte al terzo cambiamento di imputazione, prima la violenza sessuale per costrizione, poi il fatto che la mancanza del consenso sarebbe dovuto alla cocaina ed ora il Pm ipotizza la violenza sessuale di gruppo" sottolinea Fabio Anselmo. Gli avvocati hanno comunque fatto ricorso contro la decisione di confermare gli arresti domiciliari per Federico Pesci. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina una donna in piazzale Pablo: 19enne gambiano lo insegue e lo fa arrestare

  • Coltellate sul Frecciarossa, sotto choc il parmigiano che ha difeso la donna: " Usata una cinta per fermare l'emorragia"

  • C'è un'altra Parma sotto terra

  • "L'ho sentita urlare e sono intervenuto. Così ho fermato lo scippatore"

  • Truffa del Postamat, la maxi indagine riguarda anche Parma

  • Chiamavano i clienti per offrirgli la droga: arrestati tre pusher

Torna su
ParmaToday è in caricamento