Cronaca Roccabianca

Pesta a sangue un 19enne per rubargli il cellulare: arrestato 16enne di Roccabianca

Calci, pugni e testata in faccia ai danni di un giovane di Trecasali, che si trovava a bordo della sua bicicletta il giorno di Pasquetta

Ha aggredito a calci e pugni e testate in faccia un 19enne per rubargli il cellulare. Poi lo ha minacciato con un grosso coltello ed una pietra. Un 16enne di Roccabianca è stato arrestato con le accuse di tentata rapina e lesioni. Il minorenne, che è stato accompagnato nel carcere minorile di Bologna, era già conosciuto dai carabinieri che si sono presentati a casa sua, dopo aver raccolta la testimonianza della giovane vittima, che aveva il naso tumefatto. Il 16enne, nei giorni scorsi, si era reso protagonista di altri episodi: nel giorno di Pasqua, per esempio, aveva aggredito un 20enne del paese, senza un motivo apparente, con una lattina accartocciata. L'ultimo episodio si è verificato ieri 5 aprile, giorno di Pasquetta.

Accompagnato da un amico maggiorenne, poi denunciato dai militari, ha affiancato un 19enne di Trecasali che era a bordo della sua bici. Prima ha chiesto qualche spicciolo, poi ha tentato di rubargli il cellulare: il ragazzo si è opposto e il 16enne lo ha pestato: calci, pugni e testate. Tutto per avere il telefono. La vittima è riuscita ad attirare l'attenzione dei passanti e il minorenne è scappato, insieme all'amico: prima di andarsene ha minacciato il 19enne con una pietra e un grosso coltello. I carabinieri hanno ascoltato la vittima e sono riusciti a risalire al 16enne, trovato a casa sua. Per lui sono scattate le manette: si trova nel carcere minorile di Bologna. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pesta a sangue un 19enne per rubargli il cellulare: arrestato 16enne di Roccabianca

ParmaToday è in caricamento