Piazzale della Pace chiuso di notte? La proposta dei Nostri Borghi contro il degrado

L'associazione I Nostri Borghi ha lanciato una petizione a salvaguardia di Piazzale della Pace e via Garibaldi dall'eloquente titolo 'Il degrado è monumentale'. Tra le proposte dell'associazione anche quella, provocatoria, di chiudere la zona di Piazzale della Pace di notte

Piazzale della Pace e via Garibaldi. Da tempo si discute sulla situazione di degrado dell'area e sulla presenza di spacciatori praticamente a tutte le ore del giorno. Il centro cittadino monumentale per i turisti: nella realtà un'area in balìa del degrado, anche per quanto riguarda l'abbandono di rifiuti all'interno dell'area verde. L'associazione I Nostri Borghi guidata da Fabrizio Pallini ha lanciato una petizione a salvaguardia di Piazzale della Pace e via Garibaldi dall'eloquente titolo 'Il degrado è monumentale'. Tra le proposte dell'associazione anche quella, provocatoria, di chiudere la zona di Piazzale della Pace di notte per evitare i fenomeni di spaccio e di degrado dell'area. 

LA PETIZIONE."La zona monumentale di Piazzale della Pace versa ormai da troppo tempo in un degrado desolante: il prato è “lottizzato” tra i venditori abusivi di merce contraffatta, i pusher, i nullafacenti, i bevitori di alcolici, i tossicodipendenti, il tutto strettamente sorvegliato dalle “sentinelle” a servizio degli spacciatori della droga. E’ una vera e propria violenza al patrimonio artistico della nostra città, perpetrata alla luce del sole. Questo è quello che trovano i turisti, questa è la cartolina di Parma che presentiamo loro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questa situazione ha deleterie ripercussioni su tutto il quartiere circostante, che sta soffrendo pesantemente, non solo a causa della crisi economica contingente. Tutti noi viviamo quotidianamente questi fenomeni. Vogliamo controlli da parte delle forze di polizia ed anche interventi materiali e tangibili per delimitare gli spazi e favorire il controllo degli stessi. Possibile che il cortile del Guazzatoio sia delimitato da cancelli ed usato come parcheggio mentre Pilotta e Piazzale della Pace siano lasciate incustodite? Le pizzerie d’asporto funzionano da bar (mescendo birra ad ogni ora), pur non avendo servici igienici a disposizione dei clienti. Servono controlli, e servono nuove regole. Diversi esercizi commerciali, in barba al regolamento del decoro urbano, non provvedono mai a pulire i marciapiedi, imbrattati dal bivacco dei loro clienti. Servono controlli, e servono sanzioni. Tutti sappiamo di appartamenti con finte residenze per evadere le tasse, poi affittati in malo modo. Chiediamo controlli e sanzioni. Tutti vediamo aprire attività, come ad esempio phone-center, in barba ai divieti imposti nel centro storico. Urgono interventi risolutivi. Aderisci alla petizione, insieme possiamo invertire la rotta e ridare dignità alla nostra città. Ci meritiamo di più. Vogliamo rispetto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento