Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca Centro / Piazza della Pilotta

Ivoriano minaccia i poliziotti: denunciato per resistenza

Le volanti sono intervenute in Piazzale della Pace su segnalazione di un passante per una lite tra extracomunitari: un giovane di 24 anni non ha voluto fornire le proprie generalità ed ha tentato di scappare

90 persone controllate, 8 controlli domiciliari e venti pattuglie impiegate: questi i numeri dei controlli effettuati ieri dalle Volanti con l’ausilio del Reparto Prevenzione Crimine di Reggio Emilia. Particolare attenzione è stata dedicata ai controlli nelle aree recentemente interessate da episodi di violenza come Piazzale della Pace e viale Piacenza. Intervenuti in Pilotta su segnalazione di un passante che avvisava di una lite tra extracomunitari, le Volanti hanno fermato infatti un ivoriano di 24 anni, in regola sul territorio nazionale e senza precedenti, che mal tollerava il controllo, offendendo gli operatori e minacciandoli.

Al rifiuto di fornire le proprie generalità, gli operatori lo hanno invitato ad andare in Questura per il foto segnalamento ma il giovane ha opposto resistenza tentando di scappare e poi dimenandosi per non salire a bordo dell’auto di servizio. Al termine delle operazioni l’uomo è stato denunciato a piede libero per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, minacce e rifiuto di fornire generalità.


In serata, intorno alle ore 21, la Volante ha notato un uomo seduto sugli scalini davanti al Bar Novecento, chiuso, intento a bere una birra. L’uomo, algerino, classe 1968, era senza documenti e già colpito nello scorso mese di aprile da un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale. Nelle borse della sua bicicletta sono stati trovati un cutter ed una tronchese. Considerate le circostanze, è stato denunciato a piede libero per porto di oggetti atti ad offendere e messo a disposizione dell’Ufficio immigrazione per l’espulsione dall’Italia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ivoriano minaccia i poliziotti: denunciato per resistenza

ParmaToday è in caricamento