Picchia a sangue la compagna e le rompe una costola: condannato

Quattro anni di inferno per una donna che oggi ha trent'anni

Quattro anni di inferno per una donna che, nel corso della relazione con il suo compagno, ha subito violenze di ogni tipo - fisiche e psicologiche - da parte dell'uomo con il quale aveva deciso di condividere la sua vita. Quattro lunghi anni di violenze da parte della persona che credeva fosse un suo alleato, anche nelle battaglie della vita di tutti i giorni. Con lui aveva fatto anche progetti per il futuro ma le sue speranze si sono ben presto infrante di fronte alle continue violenze. In un'occasione l'uomo ha picchiato a sangue la donna, provocandole la frattura di una costola. La ragazza, che si era recata al Pronto Soccorso, aveva avuto diversi giorni di prognosi in seguito al quel pestaggio. Il Tribunale di Parma ha stabilito la condanna in primo grado per l'uomo, che era accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento