rotate-mobile
Cronaca

Picchiano e rapinano un anziano di 74 anni: in manette

I fatti risalgono a gennaio: una coppia, un lituano di 39 anni e una 44enne ucraina, sono stati rintracciati a bordo di un treno alla stazione di Parma

Due persone (un lituano di 39 anni e un’ucraina di 44) sono stati arrestati per rapina. I Carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Parma, hanno ricostruito in tempi rapidi un caso che aveva destato allarme. Si tratta di una rapina commessa ai danni di un 74enne alla fine dello scorso mese di gennaio. I fatti I Carabinieri della Compagnia di Parma erano intervenuti in centro città a seguito della segnalazione della presenza, sul pavimento dell’androne di un condominio, di un uomo riverso a terra, all’apparenza privo di sensi. L’uomo, in stato confusionale, è stato trasportato al Pronto Soccorso dell’ospedale di Parma per le cure del caso. Ai militari intervenuti, fin da subito sembrava evidente che si trattasse di un'aggressione e non certo di una caduta accidentale. Il minuzioso sopralluogo effettuato sulla scena del crimine, le molteplici tracce ematiche repertate, così come il rinvenimento di alcuni oggetti nella zona dell’evento, hanno supportato la tesi iniziale. L'uomo era senza cellulare, portafoglio e chiavi dell’auto, tant’è che gli investigatori hanno ipotizzaro che gli autori dell’aggressione, diventata rapina, potessero essere fuggiti utilizzando l’auto dell’uomo. Dopo aver visionato le immagini acquisite dalle telecamere di video sorveglianza, i dati estrapolati dai tabulati di traffico telefonico che fornivano elementi utili all’identificazione dei presunti responsabili, i carabinieri hanno avuto il quadro più chiaro. L’auto è stata ritrovata in un casolare alla periferia di Parma. Con il passare dei giorni e con il graduale miglioramento delle condizioni di salute, la vittima ha fornito una serie di elementi utili alla ricostruzione degli eventi e all’individuazione della donna, con la quale aveva avuto contatti pochi istanti prima dell’aggressione. L’identificazione dell’uomo invece è avvenuta grazie allo spirito di osservazione di un carabiniere che, visionando altre immagini acquisite per un altro reato, durante le operazioni di fotosegnalamento, hanno riconosciuto nell'indagato l’uomo ripreso dai sistemi di video sorveglianza, in località ed in orario prossimo all’aggressione di via Corso Corsi. Il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Parma ha ritenuto la sussistenza della gravità indiziaria in relazione ai fatti di cui alle provvisorie incolpazioni e, in specie, al delitto di rapina aggravata e, sussistendo le esigenze cautelari, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico della coppia. I Carabinieri, a questo punto, hanno rintracciato la coppia, che si trovava a bordo di un convoglio ferroviario in transito dalla stazione ferroviaria di Parma, ed eseguito la misura cautelare emessa dal GIP ha tradotto la coppia in carcere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchiano e rapinano un anziano di 74 anni: in manette

ParmaToday è in caricamento