menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltempo, fase di allarme per il Po dalle 4 del 14 novembre

La Protezione Civile dell'Emilia-Romagna ha attivato la fase di allarme per il fiume Po a partire dalle ore 4 di venerdì 14 novembre: il previsto innalzamento dei livelli idrometrici del Fiume Po, determineranno l'allagamento delle aree golenali non difese da argini, con interessamento delle attività

La Protezione Civile dell'Emilia-Romagna ha attivato la fase di allarme per il fiume Po a partire dalle ore 4 di venerdì 14 novembre. A seguito delle intense precipitazioni registrate sul bacino del fiume Po si stanno verificando innalzamenti dei livelli idrometrici in tutte le sezioni del fiume, che hanno determinato il superamento del livello 2 a Boretto e determinaneranno il superamento del livello 2 nelle sezioni di Piacenza e Casalmaggiore a partire dalla nottata di giovedì 13 novembre. Evoluzione: Sulla base delle valutazioni previsionali di AIPO, si prevede il superamento del livello 3 sulle sezioni  comprese fra Casalmaggiore Boretto e Borgoforte: - Casalmaggiore e Boretto dalle prime ore di venerdì 14 - Borgoforte nel pomeriggio di Venerdì 14; Si attiva pertanto la FASE DI ALLARME per i Comuni di COLORNO (PR); MEZZANI (PR); BORETTO (RE); BRESCELLO (RE); GUALTIERI (RE); GUASTALLA (RE); LUZZARA (RE). Per le sezioni fra Piacenza e Casalmaggiore permane la FASE DI PREALLARME (CRITICITA' MODERATA) con livelli prossimi al livello 3 attivata con ALLERTA 172/2014 nei comuni di CALENDASCO (PC); CAORSO (PC); CASTEL SAN GIOVANNI (PC); CASTELVETRO PIACENTINO (PC); MONTICELLI D'ONGINA (PC); PIACENZA (PC); ROTTOFRENO (PC); SARMATO (PC); VILLANOVA SULL'ARDA (PC); POLESINE PARMENSE (PR); ROCCABIANCA (PR); SISSA TRECASALI (PR); ZIBELLO (PR). Si raccomanda l’attivazione delle azioni previste, per questa tipologia di allertamento, nel Protocollo d’intesa Regionale del 15 ottobre 2004 e nelle disposizioni organizzative di cui alla D.G.R. 962/2009 e nei protocolli o piani di emergenza definiti a livello settoriale, provinciale o comunale, con particolare riguardo al monitoraggio degli argini. Mantenere costantemente aggiornati il Centro Operativo Regionale, la Prefettura e la Provincia, secondo quanto previsto dalla pianificazione regionale, provinciale e comunale. Ai Sindaci si raccomanda di : - attivare l'evacuazione delle aree golenali interessate sulla base della pianificazione comunale e provinciale ed in riferimento alle indicazioni operative di AIPO; - di informare la popolazione e i titolari di attività produttive e ricreative 

Aree o elementi interessati: FIUME PO PC - Comuni di: CALENDASCO (PC); CAORSO (PC); CASTEL SAN GIOVANNI (PC); CASTELVETRO PIACENTINO (PC); MONTICELLI D'ONGINA (PC); PIACENZA (PC); ROTTOFRENO (PC); SARMATO (PC); VILLANOVA SULL'ARDA (PC); FIUME PO PR - Comuni di: COLORNO (PR); MEZZANI (PR); POLESINE PARMENSE (PR); ROCCABIANCA (PR); SISSA TRECASALI (PR); ZIBELLO (PR); FIUME PO RE - Comuni di: BORETTO (RE); BRESCELLO (RE); GUALTIERI (RE); GUASTALLA (RE); LUZZARA (RE)

Il previsto innalzamento dei livelli idrometrici del Fiume Po, determineranno l'allagamento delle aree golenali non difese da argini, con interessamento delle attività, degli insediamenti e delle infrastrutture ivi presenti. Potranno inoltre essere interessate le golene chiuse non adeguate dopo la piena dell'anno 2000. Si prevede inoltre la presenza di materiale flottante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

  • Cronaca

    Teatri e cinema riapriranno il 27 marzo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento