menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ciclabile sul Baganza "ecologica"? No, bloccata dalla vegetazione

Il tratto di pista ciclabile che da Parma porta alla frazione di Antognano lambisce il torrente ed è potenzialmente suggestivo. Peccato che sia impraticabile. Quella di via Farnese, invece, si interrompe dopo la tangenziale

'UN CORRIDOIO ECOLOGICO DA VIVERE'. Recita così un cartello ormai ingiallito dal tempo all'ingresso di un percorso ciclabile potenzialmente molto suggestivo. Il cammino segue l'argine destro del Baganza per poi staccarsi e fiancheggiare rialzato i campi e sfociare nella frazione di Antognano proseguendo sempre lungo l'argine del Baganza. Un percorso, quello che collega Parma alla frazione di Antognano, che darebbe la possibilità di compiere un giro in bicicletta sino a Sala Baganza per poi recarsi magari ai Boschi di Carrega. Si tratta invece ormai da anni di un cammino pressocchè impraticabile, invaso dalla vegetazione e reso impercorribile.

SENZA PROTEZIONI. L'imbocco della pista è sul ponte della tangenziale sud, poco prima dell'uscita per via Montanara direzione Campus. Un tratto pericoloso, particolarmente esposto al passaggio dei mezzi perchè salvo una parte di protezione di cemento sul ponte, i ciclisti che vogliano avventurarsi lungo la pista devono percorrere un marciapiedi senza protezione dalle auto che gli sfrecciano affianco a grande velocità. L'ingresso, privo di indicazioni e di cartelli che segnalino la presenza di una pista ciclabile, consiste in una sorta di feritoia tra l'inferriata, con ancora a pochi passi un cartello informativo sulle specie animali presenti nell'area verde, tra resti di transenne in legno ormai invase dalla vegetazione.


INVASA DALLA VEGETAZIONE. All'imbocco della pista si nota il parziale lavoro di sfalciatura e potatura che è stato compiuto ma al momento la pista non è percorribile, sia per la presenza di rovi e vegetazione che la invadono, che per la scarsità di ghiaino presente che con la pioggia rende il passaggio intransitabile. Nonostante più avanti il transito si faccia più percorribile e presenti qualche segno di passaggio, attualmente tutto il percorso è inadatto al transito di biciclette di città. Valorizzare un percorso così suggestivo sarebbe anche particolarmente utile per fornire un'alternativa a chi debba recarsi al Campus dato che la pista ciclabile lungo via Farnese muore subito dopo la tangenziale, come già documentato in precedenza da ParmaToday. La pista è stata anche oggetto di un'interrogazione comunale nell'ottobre 2008 da Matteo Caselli del Pd, per sottolineare lo stato di abbandono che imperversava già da allora nell'area verde e la richiesta di interventi di riqualificazione per poter fruire di un percorso degno di valorizzazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Giro passa da Parma: ecco le tappe e gli orari

Attualità

Il parco Vezzani torna a nuova vita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento