In casa una pistola con matricola abrasa: 23enne arrestato a Berceto

Operazione dei Carabinieri tra La Spezia, Massa Carrara e Parma: nove persone indagate

I Carabinieri hanno messo in atto un'operazione che ha scoperto la presenza, in casa di alcune persone tra l'Emilia-Romagna e la Toscana, di armi clandestine, con la matricola abrasa. Uno dei provvedimenti messi in atto dai Carabinieri di La Spezia ha riguardato un residente a Berceto, in provincia di Parma. Il 23enne è stato arrestato per detenzione illegale di armi: in casa sua i militari hanno trovato una pistola calibro 7.65 con matrice abrasa. Le perquisizioni si sono svolte nelle province di Parma, Massa Carrara e La Spezia: sono in tutto nove le persone indagate. Le armi erano state probabilmente acquistate al mercato clandestino: tutti gli indagati non potevano detenere armi perchè pregiudicati o colpiti da provvedimenti d'interdizione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Devasta la stazione rischiando di far deragliare un treno: arrestato 21enne tunisino

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Ribaltone Genoa: c'è Faggiano al posto di Marroccu

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento