Pizzarotti in Russia. Scoppia la polemica. Zanlari: "Ho saputo la notizia leggendo i giornali!"

Il presidente della Camera di Commercio: "Mi chiedo che tipo di competenze possa mettere in campo il Comune di Parma per muoversi da solo e non cercare una collaborazione con noi. Il rischio, è quello di fare solo una passeggiata!"

Pizzarotti e Casa alla conferenza stampa all'Ambasciata Italiana a Mosca

A lato della conferenza stampa di presentazione degli Stati Generali della Camera di Commercio c'è stato lo spazio per commentare con i giornalisti la notizia del viaggio promozionale in Russia del sindaco Pizzarotti. Alla domanda se in qualche modo la Camera di Commercio fosse stata coinvolta il presidente Andrea Zanlari ha risposto seccamente "Di questo viaggio ho saputo leggendo i giornali". Ancora più eloquente il gesto del segretario generale Alberto Egaddi, il quale gesticolando ampiamente in segno di diniego, ha esclamato "non pervenuto!".

Ma Zanlari non si è limitato a denunciare l'assenza di comunicazione. "Come Camera di Commercio siamo costantemente impegnati in iniziative promozionali e missioni all'estero. Si tratta di operazioni complesse il cui esito viene monitorato nel tempo e mi chiedo che tipo di competenze possa mettere in campo il Comune di Parma per muoversi da solo e non cercare una collaborazione con noi. Il rischio, è quello di fare solo una passeggiata!".Davvero un bel biglietto da visita sul reale stato dei rapporti tra le istituzioni del territorio. Speriamo che gli Stati Generali possano essere il primo concreto passo verso un superamento degli steccati che al momento sembrano esistere tra Comune di Parma e Camera di Commercio.

IL COMUNICATO DEL COMUNE. Parma e la Russia sempre più vicine. Nell’ambito dell’anno incrociato 2013 e 2014 tra Italia e Russia, Parma si è dimostrata più veloce di altre realtà storico-culturali italiane, arrivando ad essere la prima delegazione ospite dell’ambasciata di Mosca, proprio in occasione dell’anno incrociato del turismo. Nei pressi della celebre Sala Rossa dell’ambasciata, il Sindaco Federico Pizzarotti e l’assessore al Turismo e al Commercio Cristiano Casa, assieme alla rappresentante dell’Acadaemia Barilla Ilaria Rossi, al Presidente del Consorzio di Tutela dei Vini e dei colli di Parma Maurizio Dodi, hanno dato ampia visione di quanto l’arte, la cultura, la storia e l’enogastronomia della città possano essere carte vincenti per aumentare la quota di visitatori russi, e di quanto possa essere proficuo per entrambe le realtà un nuovo mercato produttivo di import ed export italo-russo. All’ambasciata erano inoltre presenti una rappresentanza della Food Valley Travel e di Parma Incoming.

Come sostenuto dallo stesso organo ufficiale dell’ambasciata, l’atteso incontro è andata ben oltre le aspettative, dal momento che gli ospiti previsti tra tour operator, giornalisti e importatori di prodotti italiani si sono presentati in oltre un centinaio, quando alla chiamata erano previsti inizialmente una sessantina di interessati. Al Tavolo di presentazione erano seduti anche il numero due ed il numero tre dell’ambasciata italiana, rispettivamente il Ministro Consigliere Giovanni Iannuzzi ed in Console Generale d’Italia a Mosca Piergabriele Papadia. All’apertura dell’anno incrociato sono stati proprio i rappresentanti diplomatici italiani a ribadire che “Parma è una città ricca sotto ogni punto di vista, con grandi potenzialità per i turisti russi e sui quali l’anno incrociato tra le due nazioni intende puntare. Nell’ultimo periodo i visti turistici sono aumentati del 20%, e secondo le statistiche i cittadini russi scelgono come meta prevalente l’Emilia Romagna, segno che la Regione stessa con le sue eccellenze è una fonte di ricchezza e di possibilità per tutti gli amministratori locali”. 

Visti gratuiti per il Bicentenario verdiano. Promozione di nuovi pacchetti turistici

L’incontro, naturalmente, non poteva che iniziare con la presentazione della punta di diamante di Parma nel mondo, il Festival Verdi in occasione del Bicentenario Verdiano in corso in questi giorni. E proprio l’occorrenza così prestigiosa e unica dell’evento, ha permesso un’importante iniziativa comunicata al Tavolo ai presenti dal Console Generale Papadia, molto gradita al pubblico partecipante: la possibilità di avere visti gratuiti a favore dei turisti interessati alla partecipazione del Festival Verdi: “Una iniziativa che possiamo definire di successo – ha infatti detto il dott. Papadia - saranno previsti visti gratuiti a favore dei turisti russi che intendono partecipare a questo immancabile evento del Bicentneario Verdiano. 

Un’occasione ulteriore di avvicinamento tra Parma e la Russia”. Dalla lirica si è passati poi all’illustrazione delle numerose eccellenze parmigiane, come i percorsi artistico-culturali dei castelli della Provincia, l’arte internazionale del Parmigianino e del Correggio, la storia architettonica romanica e medievale, oltre naturalmente ai prodotti enogastronomici rinomati in tutto il mondo. Ma anche l’arte internazionale, con la mostra di Fernando Botero e l’esposizione dedicata a Bodoni, di cui ricorre il bicentenario dalla morte.

Intervento del Sindaco e dell’Assessore Casa

“Il turismo è la nuova industria di questo secolo – ha spiegato il Sindaco Pizzarotti durante il Tavolo -, e deve essere intesa comeun’industria di culture e di storia, di conoscenza e di possibilità. Al termine di quest’anno sono convinto che entrambi i nostri Paesi potranno uscirne rafforzati. L’anno incrociato che noi oggi stiamo aprendo, rappresenta una sfida da vincere: dobbiamo saper coinvolgere maggiormente le imprese turistiche, favorendo la cooperazione tra Parma e Mosca, interagendo e dando il via ad uno sviluppo sostenibile ed efficace delle nostre imprese turistiche, rafforzando la nostra immagine che diamo di noi nel mondo. Sono tutte frontiere che ci auguriamo di abbattere. Credo per questo che oggi si possa parlare di un giorno zero tra Parma e la Russia”. Dello stesso avviso l’Assessore al Turismo e al Commercio Cristiano Casa: “In un momento come quello che stiamo vivendo ora, una iniziativa come l’Anno incrociato del turismo è sicuramente una grande opportunità per tutti. Quando ad inizio luglio abbiamo ricevuto la comunicazione ci siamo subito attivati per non perdere l’opportunità di promuovere la nostra città. il nostro Paese ha grandi eccellenze da un punto di vista artistico, culturale ed enogastronomico che abbiamo il dovere di mettere a disposizione dei visitatori di tutto il mondo. Noi portiamo a Mosca le nostre eccellenze, e tutto quello che il nostro territorio può offrire: la conferenza stampa di oggi vuole essere l’inizio di un rapporto tra la nostra città, Mosca e la Russia. Per questa ragione stiamo organizzando tra il 23 e il 26 Ottobre un Educational Tour, rendendoci disponibili ad ospitare una delegazione di tour operator e di giornalisti che vorranno venire a visitare Parma. Sarà anche un’occasione per incontrare gli operatorituristici della nostra città e per creare un primo contatto”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine della conferenza non è infine mancato un “assaggio” di Parma. Grazie alla coorganizzazione dell’ambasciata italiana è stata organizzata una degustazione di prodotti d’eccellenza come il prosciutto di Parma, il parmigiano reggiano e i vini dei colli parmensi; il tutto coordinato dall’Academia Barilla e dallo chef italiano Pietro Rongoni. Occasione molto gradita dall’oltre centinaio di ospiti russi presenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento