menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Regio, la CCIAA esce: "Disorientati dal modus operandi del Comune"

Presa di posizione dell'Ente sulle strategie del Comune e sulle dimissioni del presidente Andrea Zanlari che smentisce Ferraris: "Sono state notificate il 23 luglio". La CCIAA sarà fuori dal 1° gennaio 2013

Fondazione Teatro Regio. Presa di posizione della Camera di Commercio sulla dimissioni del presidente Andrea Zanlari dalla carica di consigliere della Fondazione. In una nota l'associazione dichiara che le dimissioni di Zanlari erano state notificate il 23 luglio al sindaco Pizzarotti. L'assessore Ferraris aveva detto di aver appreso dalla stampa le dimissioni. “Le diverse voci del mondo economico che questo ente rappresenta -si legge nella nota- si trovano disorientate di fronte al modus operandi del Comune rispetto al prossimo svolgimento del Festival Verdi".

LA NOTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO

In seguito alle dichiarazioni rilasciate martedì 24 luglio alla stampa dall’assessore Ferraris in merito alla mancata formalizzazione delle dimissioni di Andrea Zanlari, Presidente della Camera di Commercio di Parma, dalla carica di consigliere della Fondazione Teatro Regio, la Camera di Commercio precisa che le stesse erano in realtà già state notificate al Sindaco di Parma, nella sua veste di Presidente della Fondazione, nella mattinata di lunedì 23 luglio tramite posta elettronica certificata.

La Camera di Commercio comunica inoltre che la Giunta, nella riunione di venerdì 20 luglio, ha deliberato di dare avvio all’iter per il recesso dell’ente di via Verdi dalla Fondazione Teatro Regio. La decisione è stata adottata all’unanimità dopo aver preso atto della volontà di Andrea Zanlari di dimettersi dalla carica di consigliere della Fondazione Teatro Regio.

Le motivazioni che hanno portato Zanlari a farsi da parte dal Cda della Fondazione sono state illustrate in dettaglio nella riunione e sono da ricondursi al suo mancato coinvolgimento nelle iniziative per la definizione del prossimo Festival Verdi. La Giunta ha ritenuto fondate e valide le motivazioni espresse dal Presidente Zanlari ed inoltre, valutando che tali iniziative, necessarie ed urgenti e che intervengono in un contesto di difficoltà, non possano essere assunte senza un preventivo confronto fra tutti i soci, ha deciso di dare il via al recesso.

“Le diverse voci del mondo economico che questo ente rappresenta si trovano disorientate di fronte al modus operandi del Comune rispetto al prossimo svolgimento del Festival Verdi e dall’incertezza che lo stesso genera tra gli imprenditori che hanno riposto fiducia nella sua realizzazione e nei benefici in termini di flussi turistici e di valorizzazione complessiva dell’immagine del territorio” si legge in una lettera con cui la Camera di Commercio ha informato oggi del recesso il Presidente della Fondazione.

Nell’esprimere questo disagio, è sottolineato però il ruolo di sostegno esterno che l’ente camerale vuole comunque garantire alle attività della Fondazione, in particolare al Festival Verdi:  “La Giunta – prosegue infatti la lettera – mantiene ferma la propria convinzione  che l’attività della Fondazione rivesta un valore strategico nello sviluppo socio economico del  territorio così come non rinnega l’obiettivo di supportare concretamente questo valore, obiettivo che la Camera ha inteso perseguire nel momento in cui vi ha aderito.

Si ritiene tuttavia che non sussistano oggi le condizioni per perseguire appieno questo obiettivo all’interno della compagine associativa. Detto questo – si conclude nel documento – la Camera non intende sottrarsi alle responsabilità che ritiene di avere nei confronti della Fondazione né venir meno al proprio contributo per sostenere le azioni che saranno necessarie e coerenti con il buon andamento del programmato Festival Verdi”. L’iter di uscita dalla compagine sociale della Fondazione Teatro Regio prevede che il socio debba restare in carica fino a conclusione dell’anno solare, quindi la CCIAA sarà fuori dalla Fondazione a partire dall’1 gennaio 2013.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa

  • Cronaca

    Firmato il Dpcm: tutte le restrizioni fino a Pasqua

  • Cronaca

    Covid: scendono i casi, salgono i morti

  • Cronaca

    Oggi il Dpcm: le scuole a Parma verranno chiuse?

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento