menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allarme Pm10, i Verdi: "Pizzarotti dichiari lo stato di emergenza"

"In questi giorni a Parma si registrano sforamenti senza precedenti -si legge in una nota dei Verdi- la presenza nell’aria delle polveri sottili risulta 4 volte più alta dei limiti di legge. Siamo al collasso degli organi vitali dell’uomo: bronchi e polmoni ne risentono fortemente! Medici di base e Pronto soccorso presi d’assalto per le crisi asmatiche e per la tosse ricorrente. A Parma la politica e le istituzioni rimangono inerti e conniventi al problema: nei loro programmi si fanno soltanto dichiarazioni elettorali sulla Città del Verde, sulla riqualificazione della Cittadella, sui Muri alberati di fianco all’autostrada.

I Verdi di Parma invocano scelte Forti ed Immediate: dobbiamo predisporre incentivi forti ed immediati alla conversione verso un parco auto privato elettrico, rinnovare il parco automezzi pubblici con macchine elettriche, offrire benefici veri (con forti sgravi fiscali) ai cittadini disponibili a cambiare il loro stile di locomozione cittadina, disegnare intere zone della città off-limits al traffico in maniera strutturale, rivedere la mappa e la fluidità della viabilità al fine di velocizzare i tempi di permanenza delle auto nelle zone ad alto traffico nelle ore di punta, procedere con l’emissione di permessi di inquinamento negoziali comunali, aumentare strutturalmente le aree verdi cittadine. Chiediamo al sindaco di dichiarare lo stato di emergenza, di bloccare la mobilità delle auto (blocco totale) per più giorni finché non si ridurrà fortemente la concentrazione del cancerogeno Pm10. In questi giorni, Bambini e anziani soprattutto, devono rimanere a casa! Invitiamo le persone a seguire queste indicazioni di buon senso: - evitare di rimanere a lungo all'aperto in queste giornate altamente inquinate (per informazioni controllare i bollettini meteo PM10 dell’ARPA Emilia Romagna) - non ricambiare l'aria nelle stanze fino ad un concreto miglioramento della concentrazione del PM10, chiudere con un sigillante gli spifferi: dei cassonetti delle finestre, spazi muro-corsie tapparelle e spazi muro-telaio finestra,  spostarsi in città a piedi e in bicicletta scegliere i percorsi a minor traffico, evitare esercizi e sforzi fisici nelle zone urbane, dove maggiore è la concentrazione dei PM10, quando le concentrazioni di PM10 sono elevate, come in questi giorni, utilizzare maschere del tipo Filtro Facciale Protezione 3 (FFP3 questa sigla è stampigliata sulla mascherina), che proteggono da polveri tossiche, sono dotate di valvola che favorisce l'espirazione e aderiscono con facilità alla forma del viso". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Attualità

Vaccino Moderna: Sda consegna oggi altre 21.600 dosi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, 76 nuovi casi e 3 morti

  • Cronaca

    Covid: a Parma e provincia riaprirà un ristorante su due

  • Cronaca

    Vaccino: al via le prenotazioni per i genitori dei minori disabili

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento