menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Polo fieristico, entro primavera i lavori di ampliamento

Il progetto prevede, lungo il lato nord che guarda l’autostrada A1, la realizzazione di una zona verde della profondità di 60 metri, al fine di mitigare l’impatto visivo delle aree prospicienti ai padiglioni

Le Fiere di Parma presto saranno ampliate. L'intervento prevede la nuova costruzione con l'allargamento dei padiglioni 1, 2 e 3. Il progetto, previsto già nel Piano generale di riqualificazione validato dal Consiglio comunale, prevede lungo il lato nord che guarda l’autostrada A1 Milano/Bologna, la realizzazione di una zona verde della profondità di 60 metri, al fine di mitigare l’impatto visivo delle aree prospicienti ai padiglioni e destinate a parcheggi e al carico/scarico.

"L’intervento - si legge in una nota del Comune - necessita della deroga in quanto la ricostruzione dei padiglioni avviene con un aumento di densità edilizia esistente in quanto volume, sagoma e sedime sono superiori a quelli degli edifici oggetto di demolizione.

La deroga trova fondamento nell’interesse pubblico dell’opera che si pone a servizio della collettività, tenuto anche conto che il progetto di riqualificazione della zona nord ovest di Parma riveste carattere strategico per l’amministrazione che vuole promuovere l’insediamento nell’area di un nuovo Polo per la logistica, la ricerca lo sviluppo e l’innovazione.


L’urgenza risiede nella necessità che le Fiere Parma Spa hanno di garantire l’avvenuta realizzazione dei nuovi padiglioni espositivi per “Salone del Camper 2011” entro la prossima primavera, nonché in relazione agli impegni assunti in occasione della stipula del prolungamento del contratto con Federalimentare, fino al 2016, per la realizzazione di Cibus".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento