Polo sanitario, un'alternativa da Legambiente: "Da Pizzarotti non vogliamo il solito mantra"

Legambiente Emilia-Romagna propone un'alternativa per la realizzazione della struttura in via XXIV Maggio: il recupero dell'area dismessa di via Cicerone. "Una posizione decisamente semplicistica per un Sindaco che ha fatto del consumo suolo zero una bandiera in fase elettorale"

Polo socio-sanitario Lubiana in via XXIV Maggio. Dopo la protesta dei cittadini, che hanno esposto uno striscione davanti all'area, una delle ultime libere dal cemento del territorio parmigiano prima della campagna, dove sorgerà il centro, contro il progetto approvato dalla giunta a 5 Stelle di Pizzarotti scende in campo anche Legambiente Emilia-Romagna. 

"Per la realizzazione del nuovo polo socio-sanitario Lubiana in via XXIV Maggio -esordisce Legambiente- uno degli ultimi terreni agricoli della città verrà ricoperto di cemento, nonostante le aspettative create dalla giunta contro il consumo di suolo. Non è certamente la situazione più grave del comune parmense, ed è evidente l’utilità della struttura di forte valenza pubblica, così come è la necessità di arrivare in tempi brevi alla sua realizzazione. Si tratterebbe però dell’ennesima resa della Giunta di fronte a soluzioni di consumo di suolo ereditate dalla precedente amministrazione, finora tutte giudicate come ineluttabili. Una posizione decisamente semplicistica per un Sindaco che ha fatto del consumo suolo zero una bandiera in fase elettorale. Legambiente chiede quindi di provare a lavorare ad una scelta alternativa in accordo con gli altri livelli istituzionali.

Il circolo locale di Legambiente, per bocca del suo presidente Fracesco Dradi, ha già lanciato una proposta su un duplice livello: di metodo e nel merito. Che sia innescato un percorso di democrazia partecipata dove i cittadini siano chiamati a scegliere tra due opzioni: una, quella già nota, di “vecchio stampo” che prevede la costruzione di un nuovo edificio con consumo di suolo agricolo; la seconda “innovativa” che preveda il recupero di un edificio dismesso o un abbattimento-ricostruzione su suolo già urbanizzato. Su questo dibattito Legambiente fa inoltre una proposta concreta: recuperare l’area dismessa dell’ex centro commerciale di via Cicerone, soggetta a fallimento. Proprio perché si tratta di una struttura pubblica è più urgente una scelta in controtendenza e dal valore esemplificativo da parte dell’amministrazione.

La stessa Regione – da cui arriva il finanziamento per l’opera – ha chiarito che non è necessario costruire in quel punto il polo socio-sanitario, mentre parte della minoranza (il PD locale) ha evidenziato come la scelta dell’ubicazione sia sbagliata: ci sono quindi tutti i presupposti perché si possa trovare una soluzione condivisa. L’invito è quindi quello di uscire dai giochi di schieramento per il raggiungimento di un obiettivo concreto e invocato da più parti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il sindaco Pizzarotti e l’assessore Alinovi devono però prima di tutto esternare la volontà di trovare un’alternativa, non riformulando il solito mantra che le scelte sono ereditate ed ineluttabili", dichiara Lorenzo Frattini, presidente di Legambiente Emilia-Romagna. "Dalla Regione venga invece la chiara indicazione di disponibilità per supportare l’opera anche nel caso di una scelta più complessa come ad esempio quella che deriverebbe dal recupero di aree degradate, eventualmente riconoscendo anche i costi extra dovuti a tale scelta. Legambiente si farà promotrice per questa soluzione presso gli assessori competenti, per la pianificazione e riqualificazione urbana Freda e Peri". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento