menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Polveri sottili, Gcr: '11 giorni consecutivi di sforamento'. Dal limite dei 50 fino a 84

Da undici giorni, secondo le rilevazioni dell'Arpa, l'aria di Parma supera i limiti per le polveri sottili imposte dalla legge. Il primo giorno di sforamento è stato il 28 novembre. L'allarme del Gcr

Inquinamento. Da undici giorni, secondo le rilevazioni dell'Arpa, l'aria di Parma supera i limiti per le polveri sottili imposte dalla legge. Il primo giorno di sforamento è stato il 28 novembre, poi senza sosta per undici giorni e quasi sempre con un peggioramento fino ad arrivare a 84 rispetto al limite 50 imposto dalla legge. 

"Dal 28 novembre scorso -si legge in una nota del Gcr- 11 giorni fa, l'aria di Parma supera i limiti di legge per le polveri sottili. Una sfilza di cifre fuori norma che drammaticamente riportano all'attenzione dell'opinione pubblica il tema del progresso e del disastro ambientale a cui supinamente assistiamo. Sono numeri, ma significano in concreto incremento di malattie. L'Oms, tramite lo Iarc di Lione, ha decretato come cancerogene le polveri sottili.

La decisione dell'ottobre scorso ha messo fine a tutte le teorie tana libera tutti che insistevano sul separare la qualità dell'aria che respiriamo dal nostro stato di salute. Oggi non è più possibile. Queste polveri sono cancerogeni certi, classificate nella lista dei peggiori inquinanti. Ed a ogni 10 microgrammi di polveri in più corrisponde un incremento del 6% delle malattie correlate. Parma soffoca.

Le manca il respiro da 11 giorni e il meteo non ci fa ben sperare. La sequenza 53, 57, 63, 62, 54, 55, 51, 67, 84, 79, 69 mette nero su bianco l'allarme. Siamo in piena emergenza ambientale e crediamo a questo punto non rimandabili provvedimenti straordinari. 35 sono gli sforamenti concessi per legge in un anno. Parma è ora a 65, leader incontrastata dei veleni emiliano romagnoli, cappa infetta che mina la salute dei cittadini. Nel 2012 era andata perfino peggio (135 sforamenti, unici in regione a superare il centinaio) ma certo non possiamo rallegrarci per la situazione che perdura da oltre 10 giorni. Parma regina di smog anche nel 2011 quando perse per 3 posizioni il gradino più alto, conquistato da Fiorano, Modena, con 96 sforamenti. Spegniamo tutto quello che si può spegnere. L'appello è rivolto anche e soprattutto ai cittadini. In questi giorni di avvicinamento al Natale si incrementano gli spostamenti in auto privata per gli acquisti.  Un errore madornale. Vogliamoci bene.

"Facciamo appello alla coscienza di tutti -prosegue la nota del Gcr- che tutti prendano coscienza dei rischi che si corrono, mettendo in pratica da soli comportamenti virtuosi, come il semplice gesto di prendere un autobus, inforcare una bicicletta, andare a piedi, tenere il riscaldamento al minimo (indossando un maglione in più), tenendo chiuse le finestre salvo il giusto cambio dell'aria, spegnendo i motori ai semafori, evitando di tenerli accesi durante le soste anche se brevi, evitando di “scaldare” i motori (la moderna tecnologia non ne ha necessità). Guardiamo insieme la nostra città, e collaboriamo tutti per evitare un futuro senza salute".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 170 casi e un morto

  • Cronaca

    Covid: "Negli ultimi giorni abbiamo ricoverato molti giovani"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento