Ponte del Diavolo, rimossi i tronchi. Ora si gettano le burghe

Da questa mattina si è iniziato a posizionare le burghe, grandi "salsicciotti" di rete metallica che contengono pietrame. Vengono poste alla base del pilone in modo da proteggerlo e garantirgli più stabilità

Lavori in corso sul Ponte di Gramignazzo

Ponte del Diavolo. E’ la messa in sicurezza della pila centrale l’obiettivo dei lavori avviati dalla Provincia. La chiatta con a bordo il caterpillar utile alla rimozione dei tronchi che si trovano, alla base della pila centrale lesionata, è arrivata venerdì a Gramignazzo. Le operazioni di pulizia sono durate più del previsto e tanto è stato il materiale scardinato dal fondo del fiume.

Da questa mattina si è iniziato a posizionare le burghe, grandi "salsicciotti" di rete metallica che contengono pietrame. Vengono poste alla base del pilone in modo da proteggerlo e garantirgli più stabilità. A fianco delle burghe, per fare in modo che resistano alla corrente, verranno poi calati grandi massi. A seguire le operazioni i tecnici della Provincia ma anche alcuni abitanti della frazione in apprensione per il futuro del ponte. 
“ Questi lavori dovrebbero concludersi in una settimana – spiega l’assessore alla Viabilità Andrea Fellini -  nel frattempo vengono avviate sempre dalla Provincia le indagini geotecniche e idrauliche che permetteranno di decidere la moalità migliore per salvare la pila in corrispondenza della quale si è verificato l’abbassamento del piano di scorrimento dell’infrastruttura”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ponte è chiuso dal 10 febbraio scorso e le immediate analisi della Provincia hanno evidenziato uno scalzamento del terreno attorno alla pila con la riduzione della parte interrata. La Provincia, che ha concordato l’intervento con la Regione e gli amministratori dei Comuni, ha deciso di procedere per gradi. In questi giorni è in corso la messa in sicurezza della pila in modo da scongiurare un ulteriore aggravamento della situazione. Poi si procederà con un intervento più strutturale di consolidamento, azione propedeutica a un ulteriore intervento sul ponte per riallineare il piano di scorrimento, abbassatosi di 60 cm, e sistemare la struttura, le spalle e l’altra pila. I primi fondi - 200mila euro – li ha stanziati la Regione che inserirà nella fascia di priorità uno il ponte di Gramignazzo nell’elenco che sta completando per la richiesta fondi al Governo.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Parma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Pestato a sangue per aver difeso un collega: barista di Busseto in ospedale

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento