Ponte di Gramignazzo: cominciata bene l’ultima fase dei lavori

Si tratta di sei interventi molto delicati: la sostituzione di giunti e il sollevamento delle travi per riportarle in quota. Il primo è stato compiuto sabato scorso con esito positivo. Se tutto andrà bene, la conclusione dei lavori è prevista per la fine di luglio. Soddisfazione del Delegato Censi

Sono iniziate alle 8,45 di sabato 27 giugno a Gramignazzo i lavori dell’ultima fase del restauro del ponte sul Taro, lungo circa 150 metri, che si trova sulla SP 33 ed è stato chiuso al traffico nel febbraio2014, dopo che si era evidenziato un cedimento della pila centrale.

Si tratta di sei interventi molto delicati: la sostituzione di giunti di dilatazione, che sono irreversibilmente danneggiati, e il sollevamento delle travi che si sono abbassate, per riportarle alla quota originaria. Il primo intervento, compiuto sabato scorso, consisteva nel sollevamento della parte del ponte posta a lato Roccabianca, allo scopo di permettere la sostituzione dei giunti. Alle ore 10 circa è terminata l’operazione, grazie a martinetti per il sollevamento e l'impalcato e' stato alzato di circa 3cm. Si provvederà in seguito a togliere i due appoggi. 

L’intervento ha avuto pieno successo (cosa non scontata) e questa operazione verrà ripetuta successivamente anche per gli altri cinque appoggi. La parte più complessa e delicata avverrà quando si dovranno rialzare le travi che hanno ceduto maggiormente a seguito dell' evento di piena dello scorso anno. Se tutto andrà bene, la conclusione dei lavori è prevista per la fine di luglio.

Ampia soddisfazione esprime il Delegato provinciale Andrea Censi: “Si tratta di un lavoro molto delicato, e grazie alla capacità sia dei progettisti della Provincia sia della ditta, si stanno rispettando anche i tempi di esecuzione preventivati. Ribadiamo l’attenzione costante della Provincia per il Ponte di Gramignazzo, molto importante per la Bassa.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dichiarazione dei redditi: dal 1° gennaio 2020 le spese da detrarre non possono essere pagate in contanti

  • Si schianta fuori pista: muore sciatore parmigiano di 39 anni

  • Calendario di Miss Nonna 2020: per il mese di agosto c'è una nonna parmigiana

  • Tragedia in stazione: uomo travolto ed ucciso da un treno

  • Pizzarotti a Salvini: "Ecco il delirio di un uomo, tu non mandi a casa proprio nessuno"

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

Torna su
ParmaToday è in caricamento