Ponte Nord, proposte da Millecolori, Rutigliano: "Dal Comune silenzio e inerzia"

Un'incontro pubblico nei pressi del Ponte Nord organizzato da Millecolori sulla proposta di utilizzo di parte della struttura a favore dei giovani e dell'innovazione. L'avv.Rutigliano: "Se il Comune non vuole rispondere a noi, lo faccia con la comunità"

Incontro Millecolori pressi Ponte Nord

Si sono riuniti nei pressi del Ponte Nord per discutere su come poter rendere funzionale a nuove attività un'opera descritta da più parti come inutile. Questo l'obiettivo di Millecolori che stamane ha organizzato un incontro pubblico nei pressi della struttura per discutere non solo del suo impatto ambientale, dei costi per realizzarlo ma anche di proposte per poterlo rendere in qualche modo fruibile alla comunità. Una proposta si orienta verso la realizzazione di una piazza digitale, dove poter avere connessioni veloci e supporti condivisi, nella direzione di un polo di servizio e formazione a uso pubblico, un luogo di aggregazione e innovazione pensato soprattutto per i giovani, con esempi diversi all'estero. All'incontro, nel quale si sono succeduti gli interventi di vari esponenti di Millecolori, sono stati invitati tramite lettera il sindaco Federico Pizzarotti e l'assessore ai lavori pubblici Michele Alinovi.

"L'assessore ci ha gentilmente risposto negativamente a causa di un suo impegno fuori Parma per tutto il weekend, il sindaco non ci ha neanche risposto - sottolinea l'avvocato Massimo Rutigliano - Non condivido quest'opera sia per il danno ambientale che per l'inutilità, ma demolirla sarebbe una grossa spesa quindi occorrerebbe pensare a un suo utilizzo, trovando una proposta condivisa. Ciò che vogliamo è discutere sulle proposte insieme, la nostra è stata ideata per amore nei confronti della città ma può anche non essere quella giusta ma si possono trovare altre alternative. Riteniamo il silenzio la cosa peggiore. Sono stati deliberati 800 mila euro per il completamento delle vetrate e abbiamo appreso che è stata chiesta una deroga al Ministero, ma per fare cosa? Una deroga ministeriale è possibile solo con una proposta forte e mirata raccogliendo anche il consenso della città, non certo con una generica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un'accusa nei confronti dell'operato dell'Amministrazione Comunale arriva da Millecolori, che, come sottolineato da Rutigliano, non tollera la mancanza di risposte in merito a una struttura di particolare impatto per la città. "L'inerzia e il silenzio sono ricorrenti in questa amministrazione. I cittadini hanno capito, a un anno dall'elezione, che la protesta da sola non basta. Troppe promesse mai realizzate. Non si dovrebbe promettere cose che poi non si è in grado di mantenere. Sinora non abbiamo avuto alcuna risposta alla nostra proposta e al nostro invito a discuterne, speriamo almeno che le risposte le diano alla collettività". In programma da parte di Millecolori anche altre iniziative, mirate a incontri pubblici con i cittadini in diversi quartieri della città, per discutere delle principali problematiche in modo libero e avanzando eventuali proposte. "Ciò che ci unisce - sottolinea Rutigliano - è trovare nuove idee per contrastare una situazione difficile in modo generalizzato con un crollo dell'economia e la disoccupazione. Ci vogliono fantasia, creatività e idee, ma anche affrontare temi dei quali si conosce la materia, cercando di affrontarli con competenza e serietà, senza improvvisazioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento