Ponte Taro, conclusi i lavori per le barriere antirumore. Presto una pista ciclabile

L'opera compensativa verrà realizzata lungo via Leonardo Da Vinci, nel tratto finora interessato dal cantiere, avrà ampiezza di 2,6 metri ed arriverà fino a via Gramsci

Sono arrivati a conclusione i lavori per la posa delle barriere antirumore lungo il raccordo tra la A1 e la A15 nell’abitato di Ponte Taro. Il cantiere, che ha riguardato la carreggiata Ovest del viadotto, è in questi giorni in via di smantellamento, mentre sono già partiti gli interventi che riguardano le opere compensative.

Tra queste, a costituire la novità dell’operazione sarà la pista ciclopedonale che verrà realizzata lungo via Leonardo Da Vinci, nel tratto finora interessato dal cantiere, dove il ripristino della sede stradale comporterà un ampliamento e un risezionamento della carreggiata con l’individuazione sul lato Est di un percorso specifico e separato. La pista avrà ampiezza di 2,6 metri e arriverà fino a via Gramsci, dove si ricongiungerà alla banchina esistente, per permettere ai pedoni e ai ciclisti di muoversi tra le due ali dell’abitato di Ponte Taro in totale sicurezza. Su via Gramsci, in corrispondenza al termine della nuova pista, sarà realizzato un attraversamento pedonale. A questo intervento corrisponderà, lungo la ex Provinciale 11, nel tratto vicino all’ingresso di via Gramsci il completamento della banchina pedonale.

Tutta la zona interessata dall’intervento sarà dotata inoltre di un nuovo impianto di illuminazione, mentre in via Gramsci sarà rifatta la piazzola per l’alloggiamento dei cassonetti dei rifiuti e le aree adiacenti saranno risistemate per garantire una più efficiente manutenzione e un corretto deflusso delle acque. Infine, l’area sottostante il viadotto, non interessata dalla nuova viabilità, verrà perimetrata e riservata agli eventuali interventi di manutenzione da parte di Autocisa.

La novità, inizialmente non prevista, è frutto di un nuovo accordo tra il Comune di Fontevivo e Autocisa, nell’ambito di un programma di razionalizzazione degli spazi urbani, con l’obiettivo di aumentare l’efficienza delle infrastrutture e dei servizi che vi insistono. “Entro fine maggio – ha commentato l’assessore ai Lavori pubblici di Fontevivo Daniele Guareschi – saranno ultimati i lavori nella parte sottostante al viadotto e, per la fine dell’estate avremo l’ultimazione del cantiere per le opere compensative. È stato un intervento importante, che ha comportato qualche disagio alla popolazione, e quindi ci sembrava giusto che venisse restituito uno spazio urbano ottimizzato, con infrastrutture utili e migliorative per l’ambiente e la qualità della vita dei cittadini. La concertazione con Autocisa, tramite il nostro ufficio tecnico, ha permesso di tradurre le esigenze del centro di Ponte Taro in realtà”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I lavori di Autocisa per il completamento del programma di abbattimento dell’inquinamento acustico nell’abitato di Ponte Taro in corrispondenza del viadotto hanno comportato il consolidamento dei piloni sulla carreggiata Ovest (lato Fidenza) – in precedenza erano già stati svolti i lavori alla carreggiata Est – e la posa delle barriere antirumore, che hanno il compito di abbattere il rumore dovuto al transito dei mezzi sul raccordo autostradale. L’intervento è stato realizzato attraverso una pavimentazione fonoassorbente, come già sull’altra carreggiata, e l’installazione di barriere di tipo New Jersey metallico, in grado per le loro caratteristiche di intercettare una quota significativa del rumore emesso dai veicoli in transito sull’autostrada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Allerta meteo arancione per temporali, temperature in picchiata

  • Coronavirus, a Parma zero decessi e zero contagi

Torna su
ParmaToday è in caricamento