rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Cronaca

Pontremolese, Maestri: "Reintegrare i 234 milioni di euro revocati"

La deputata del Pd ha annunciato un'interrogazione parlamentare: "Mancando questi 234,6 milioni, sottratti senza che ci fosse un confronto vero col territorio, é scritta la parola fine sul raddoppio"

"Parma potrebbe essere la porta d'accesso al mare per le merci del Nord Europa, in arrivo da Verona e dal Brennero. Eppure, gli incredibili ritardi che paralizzano il raddoppio della linea ferroviaria Pontremolese tengono bloccata questa occasione di sviluppo per il nostro territorio e la nascita di una grande mobilità verde, capace di togliere migliaia di camion dalle autostrade". Lo sostiene Patrizia Maestri, deputata Pd, annunciando una interrogazione rivolta al ministro Maurizio Lupi (infrastrutture e trasporti) e appoggiata da due deputati veronesi del Partito Democratico: Gian Pietro Dal Moro e Diego Zardini.

"Esigiamo di sapere - spiega la Maestri - quali siano gli intendimenti del Governo sul reintegro dei 234,6 milioni di euro già stanziati per il primo sub-lotto e poi revocati dal Cipe il 20 gennaio del 2012. Il Governo scaturito dalle elezioni del 24 febbraio su un punto è sempre stato chiaro: non avrebbe mancato l'appuntamento con le riforme e le infrastrutture vitali per il Paese. Bene, se le cose stanno così, dobbiamo essere chiari con le imprese e con i cittadini: mancando questi 234,6 milioni, sottratti senza che ci fosse un confronto vero col territorio, é scritta la parola fine sul raddoppio, peraltro già avviato nel tratto parmense tra Solignano e Osteriazza".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pontremolese, Maestri: "Reintegrare i 234 milioni di euro revocati"

ParmaToday è in caricamento