Apre la Galleria Marta Giulia. In ottobre fu occupata dagli operai. Peri: "Ora lo sblocco dei fondi"

E' stato abbattuto oggi l'ultimo diaframma della galleria Marta Giulia, opera che si inserisce nel cantiere per il raddoppio della 'Pontremolese'. Ma nell'ottobre 2012 quella galleria vide la lotta degli operai per gli stipendi arretrati, portata alla luce da ParmaToday

E' stato abbattuto oggi l'ultimo diaframma della galleria Marta Giulia, opera che si inserisce nel cantiere per il raddoppio della 'Pontremolese', la linea ferroviaria Parma-La Spezia, tratta strategica per il nuovo corridoio merci europeo Ti.Bre (Tirreno-Brennero) che dovrà collegare i porti dell'alto Tirreno con i centri industriali dell'Italia settentrionale e dell'Europa centrale.

Nell'ottobre 2012 ParmaToday ha realizzato alcuni servizi in esclusiva portando alla luce la storia degli operai in lotta per ottenere i propri stipendi arretrati. La galleria in costruzione fu occupata dagli operai in ottobre fino allo sblocco delle trattative. Oggi quella galleria viene aperta e presenrata come un'eccellenza ma solo qualche mese fa i lavoratori protestavano, qui a Solignano, per i propri diritti. 

ECCO CHI HA COSTRUITO LA GALLERIA MARTA-GIULIA 

La galleria, di 4.200 metri, è in alta Val Taro, nel parmense, fra le località di Citerna e Solignano, e rappresenta la più lunga opera di questo tipo mai realizzata in provincia di Parma. E' stata realizzata da Astaldi, l'azienda che si è aggiudicata la gara indetta da Italferr (la società di ingegneria del gruppo Ferrovie dello Stato Italiane). 

ASTALDI: GLI OPERAI OCCUPANO IL CANTIERE 

''Quella di oggi è una giornata importante per la Pontremolese perché si realizza un tratto particolarmente complesso - ha commentato Alfredo Peri, assessore Mobilità e Trasporti Regione Emilia-Romagna - Entro il 2014 si può chiudere così questa parte della linea che si
aggiungerà agli altri già terminati''. Ma per il completamento dell'intera Pontremolese i tempi sono purtroppo ancora non definibili. ''Noi potremmo cantierare da subito il tratto da Parma a Vicofertile, ma i 230 milioni di euro già stanziati sono stati destinati altrove - ha concluso Peri - Noi chiediamo al Governo di rimettere subito queste risorse qui perché servono a portare a termine un'opera strategica''.

T-BRE, VIAGGIO-INCHIESTA NELL'OPERA DA 60 MILIONI AL KM 

Potrebbe interessarti

  • Piscine interrate: costi e tempi per averne una nel proprio giardino

  • E' vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Ma come ti vesti... a un matrimonio estivo? Ecco tutti i consigli

  • Verità e falsi miti sui rimedi anti medusa

I più letti della settimana

  • Chiesi, 4 lettere di licenziamento: parte lo stato di agitazione

  • Neonato di 8 mesi si ustiona in Autogrill: è grave al Maggiore

  • Ecco le baby gang che tengono in ostaggio il centro: "Giovanissimi tra alcol, droga e risse violente"

  • Roncole Verdi: motociclista 57enne cade sull'asfalto e muore

  • "Invasione di sciami di cimici pericolose in Emilia-Romagna"

  • Metalmeccanici, il 14 giugno è sciopero generale: lavoratori di Parma alla manifestazione di Firenze

Torna su
ParmaToday è in caricamento