Posta accatastata, la risposta dell'Ad ai parlamentari parmgiani

“L’Azienda, attraverso il costante confronto con le strutture territoriali, ha già adottato le misure correttive atte a perfezionare la pianificazione operativa attuando, ove necessario, gli interventi utili a garantire la corretta distribuzione dei prodotti postali"

I parlamentari di Parma Giorgio Pagliari, Patrizia Maestri e Giuseppe Romanini avevano inviato una lettere a Poste Italiane per l'anomala situazione di Parma, con quintali di corrispondenza non consegnata e giacente presso le poste centrali. Ecco la risposta dell'Amministratore Delegato delle Poste.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Con nota ricevuta questa mattina 20 aprile, l’Amministratore Delegato di Poste Italiane ha risposto alla nostra lettera del 18 c.m.. In questa lettera l’Amministratore Delegato riconosce la criticità della situazione di Parma e, dopo aver precisato che Parma, come tutti i capoluoghi di provincia, manterrà un servizio di distribuzione quotidiano dei prodotti postali veloci (corrispondenza e pacchi), testualmente afferma: “L’Azienda, attraverso il costante confronto con le strutture territoriali, ha già adottato le misure correttive atte a perfezionare la pianificazione operativa attuando, ove necessario, gli interventi utili a garantire la corretta distribuzione dei prodotti postali; il verificarsi di un anomalo tasso di assenteismo ha, inoltre, aggravato la delicata fase fisiologica di messa a regime delle nuove modalità logistiche, che coinvolgono portalettere e centri di distribuzione, ma si è provveduto ad un incremento del personale dedicato al fine di smaltire le giacenze esistenti; dai dati raccolti la situazione è in corso di normalizzazione e ci attendiamo e ci attendiamo il completo smaltimento delle giacenze entro le prossime quattro settimane.”Riteniamo la comunicazione una prima risposta positiva, ma continueremo a mantenere la massima attenzione sul problema fino a che non si vedranno concretamente gli effetti positivi delle misure annunciate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in via Bologna: 50enne incinta di sette mesi muore in casa

  • Coronavirus, l'appello choc di una 26enne: "In 40 metri quadri in 6 con 4 figli: non abbiamo i soldi per fare la spesa"

  • Buoni spesa, Pizzarotti: "Da venerdì si potrà compilare il modulo online: ecco chi potrà chiederli"

  • Coronavirus: a Parma tamponi si fanno dalla propria auto

  • Coronavirus, Parma piange altri 25 morti e 118 nuovi casi: il totale supera i 2.200

  • Coronavirus, Venturi contro Borrelli: "Il 1° maggio a casa? Smettetela di diffondere opinioni senza certezze"

Torna su
ParmaToday è in caricamento