Posturologo accusato di violenza sessuale da una paziente 20enne: sospeso dalla professione

Il provvedimento è stato eseguito dalla Squadra Mobile di Parma: il posturologo avrebbe compiuto atti sessuali durante due visite nel mese di marzo

Avrebbe abusato sessualmente di una ragazza di vent'anni durante le visite effettuate nel suo studio di Parma, che si trova nella zona della stazione ferroviaria. Un noto posturologo parmigiano, ha ricevuto l'interdittiva di sospensione dalla professione, che è stata eseguita ieri 24 settembre dalla Squadra Mobile di Parma su disposizione del Gip. Secondo quanto ricostruito dalla Procura di Parma l'uomo avrebbe approfittato di due visite mediche effettuate nel mese di marzo, il 6 ed il 9, dopo che la ragazza era stata coinvolta in un incidente stradale per toccarla nelle parti intime e compiere veri e propri atti sessuali.

La giovane si era rivolta al professionista poiché aveva riportato un colpo di frusta. La prima visita era stata effettuata nello studio del professionista a Reggio Emilia. Per le successive visite il posturologo aveva chiesto alla paziente di andare nel suo studio di Parma, che si trova nella zona della stazione ferroviaria. Durante queste visite avrebbe subito abusi sessuali con palpeggiamenti nelle parti intime e veri e propri atti sessuali. 

Dopo le visite la ragazza ha parlato con la madre e con il fidanzato ed ha presentato denuncia nei confronti del posturologo in Questura a Reggio Emilia. La ragazza ha anche riconosciuto il posturologo nelle fotografie che le sono state mostrate dagli inquirenti.

Dopo le indagini, che hanno portato a verificare il racconto della vittima, è scattato il provvedimento. Sarebbero anche state trovate tracce del Dna dell'uomo sugli slip della giovane. Tra gli elementi di indagine anche la registrazione di una telefonata fatta dalla madre al posturologo, subito dopo aver saputo dalla figlia degli abusi sessuali. 

"Il posturologo sospeso non è un medico" 

Il posturologo parmigiano accusato di violenza sessuale nei confronti di una sua paziente ventenne e sospeso oggi dall'attivita' "non e' un medico". Lo precisa l'Ordine dei medici di Parma sottolineando "la giusta estraneita' al fatto della nostra categoria" e spiegando che il terapeuta coinvolto nelle indagini non risulta iscritto all'ordine professionale ne' Parma ne' altrove in Italia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Ferie blindate: niente vacanze in montagna e divieto di spostamento fuori regione per i parmigiani

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Covid, oggi si decide: Parma potrebbe tornare in zona gialla

Torna su
ParmaToday è in caricamento