rotate-mobile
Cronaca

Povertà, in aumento le richieste di aiuto: 70mila pasti in più e 6.000 persone da Emporio

Aumento esponenziale delle richieste d'aiuto: sono 1.700 le famiglie in difficoltà che si rivolgono all'associazione di Piazza Caduti di Superga

Rischia di diventare un problema strutturale quello dei nuovi poveri a Parma. Sono sempre maggiori le richieste che arrivano presso la Caritas e le varie associazioni come Emporio solidale che da tempo sono in prima linea per combattere questa problematica, crescente anche nel territorio parmense. Solo a Emporio, ad esempio, si appoggiano 1.700 nuclei familiari, 6.000 persone circa che trovano un valido supporto in questo senso. Anche Caritas diocesana ha segnalato un aumento esponenziale delle richieste d'aiuto: il rapporto dello scorso marzo racconta di 70 pasti in più serviti solo nell'ultimo anno. Per fare fronte a questa emergenza, sabato 6 maggio, torna la campagna 'Dona una spesa', promossa da Conad nel tentativo di non dimenticare chi non riesce a fare la spesa. In tutti i Conad di Parma e provincia sarà possibile organizzare la raccolta alimentare che ogni anno dà respiro a tante famiglie che non sono in grado di mettere in tavola ciò che serve. E sono ancora tante, purtroppo ancora in aumento. 

Sarà per loro, per 29 realtà del nostro territorio quotidianamente impegnate a sostegno dei più fragili, che sabato 6 maggio potremo aggiungere nel nostro carrello qualcosa in più, ciascuno in base alle sue possibilità. Servono pasta, riso passata di pomodoro, farina, latte a lunga conservazione, zucchero e miele, olio, biscotti e merendine, legumi, tonno e carne in scatola; ma servono anche alimenti e prodotti per l'infanzia, per l'igiene personale e per la pulizia della casa. All’ingresso dei punti vendita si alterneranno quasi 200 volontari, pronti a sorridere e a raccogliere ciò che ciascuno sceglierà di donare. E saranno poi le stesse associazioni, cooperative, parrocchie e Caritas a far arrivare i beni nelle case di chi ha bisogno. È questa la decima edizione della raccolta alimentare nata a Parma che poi si è estesa a Reggio, Piacenza e in tutta la Lombardia tramite il sistema dei Centri Servizi per il volontariato. Un’opportunità che Conad Centro Nord ha deciso di estendere a tutto il territorio in cui è presente. In questi 10 anni sono stati raccolti e donati ben 180.000 kg di prodotti di prima necessità nella sola provincia di Parma di cui 20.900 kg lo scorso anno.

Per Elena Dondi, presidente di CSV Emilia che coordina l’iniziativa: “Parma, ancora una volta sa reagire e, di fronte a una difficoltà che aumenta e pare non fermarsi, fa sistema e offre una risposta concreta: i volontari di 29 associazioni pronti a dedicare tempo e impegno e tutti coloro che risponderanno a questa chiamata, che saranno, come sempre, tanti e generosi. Siamo una comunità coesa e dobbiamo restarlo, sono certa che lo dimostreremo anche sabato 6 maggio.” Come ha affermato Rosanna Cattini, vice presidente di Conad Centro Nord, “ringraziamo come sempre CSV Emilia per la preziosa collaborazione e tutti i volontari che ci aiuteranno a raccogliere prodotti di prima necessità per i più fragili. Siamo partiti 10 anni fa da Parma per poi estendere questo modello virtuoso a tutto il nostro territorio tra Emilia e Lombardia, raccogliendo 518 tonnellate di prodotti: ne siamo orgogliosi” e continua: “Quest’anno celebriamo i nostri 60 anni e vogliamo ringraziare la nostra comunità contribuendo concretamente con una donazione alle associazioni coinvolte nella raccolta in tutto il nostro territorio” Infatti, quest’anno Conad ha scelto di donare 60 mila euro a tutte le organizzazioni coinvolte nell’iniziativa, sessanta come i suoi anni di attività. Un compleanno che Conad Centro Nord vuole festeggiare nel migliore dei modi. Le associazioni riceveranno delle carte prepagate e l’ammontare complessivo verrà suddiviso fra tutti in modo proporzionale a quanto sabato sarà raccolto nei singoli punti vendita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Povertà, in aumento le richieste di aiuto: 70mila pasti in più e 6.000 persone da Emporio

ParmaToday è in caricamento